Isola di Budelli, Legambiente chiede di incontrare Harte

Legambiente Sardegna ha chiesto un incontro a Michael Harte, il nuovo proprietario dell’isola di Budelli per testare la sua disponibilità alla salvaguardia del territorio, tema molto caro all’associazione ambientalista che ha negli anni svolto numerose iniziative di sensibilizzazione per l’istituzione del Parco Nazionale della Maddalena e per la dismissione della base militare di Santo Stefano.

“Abbiamo appreso positivamente dai giornali che lei “non è interessato ad alcun tipo di speculazione immobiliare sull’isola, ma, viceversa, fortemente attratto dalle prospettive anche economiche legate alla conservazione, alla ricerca scientifica e alla valorizzazione del patrimonio ambientale che potrebbero rappresentare un valido modello da esportare in un contesto internazionale”. Tali propositi ci appaiono interessanti e positivi” scrive l’Associazione ricordando che  Budelli ha delle peculiarità ambientali e naturalistiche di livello internazionali.

Un commento a “Isola di Budelli, Legambiente chiede di incontrare Harte”

  1. carlo ha detto:

    Ma vedi le cose strane della vita….Pecoraro Scanio (ed è tutto dire….) chiede che lo Stato compri l’isola di Budelli, Venneri responsabile mare di legambiente dice che è inutile perchè sarebbero tre milioni di euro buttati, tanto l’isola è tutelata. Quindi legambiente “stranamente”non si oppone alla vendita. Ora Legambiente chiede un incontro con il proprietario per verificare “prospettive anche economiche legate alla conservazione”.
    Sento puzza di inciucio e di affari…niente niente qualche incontro ci è già stato……….vedremo.