Nestlé annuncia: meno plastica nel packaging. Greenpeace: piani poco ambiziosi

Nestlé, azienda leader mondiale del settore alimenti e bevande, ha annunciato i propri piani per affrontare la crescente crisi globale dell’inquinamento da plastica, rendendo noto che si impegnerà per rendere i contenitori dei suoi prodotti riciclabili e riutilizzabili entro il 2025.

Il Ceo di Nestlé, Mark Schneider, ha detto che i rifiuti di plastica sono “uno dei maggiori problemi di sostenibilità che il mondo affronta oggi. Affrontarlo richiede un approccio collettivo. Siamo impegnati a trovare soluzioni per ridurre, riutilizzare e riciclare. La nostra ambizione è arrivare entro il 2015 ad un packaging riciclabile o riutilizzabile al 100%“.

Questa dichiarazione d’intenti non soddisfa pienamente Greepeace che contesta alla multinazionale del food di non aver incluso misure chiare e concrete volte a ridurre, ed eliminare gradualmente, gli imballaggi e i contenitori in plastica monouso.

“Le dichiarazioni di Nestlé sugli imballaggi in plastica includono alcuni elementi di greenwashing con cui l’azienda svizzera non affronta concretamente la crisi globale dell’inquinamento da plastica che essa stessa ha contribuito a generare. Il piano di Nestlé non va verso la riduzione della plastica monouso, rischiando di stabilire uno standard di basso livello per l’intero settore”, dichiara Graham Forbes, responsabile della campagna oceani di Greenpeace.

“Una società delle dimensioni di Nestlé dovrebbe ridurre e gradualmente eliminare l’impiego di plastica usa e getta, consapevole del fatto che il riciclo della plastica non basta a proteggere i mari del Pianeta”, conclude Forbes.

Greenpeace ha recentemente lanciato una petizione a livello globale (no-plastica.greenpeace.it) per chiedere ai grandi marchi mondiali, tra cui Nestlé, di affrontare concretamente il problema dell’inquinamento da plastica riducendo il ricorso a contenitori e imballaggi monouso.

La necessità di un’azione urgente e concreta volta alla riduzione dell’utilizzo di plastica monouso da parte dell’azienda svizzera è confermata dai recenti risultati di un’attività di pulizia e audit, effettuata lungo le coste di Freedom Island nelle Filippine, in cui è emerso che gli imballaggi dei prodotti a marchio Nestlé costituivano la parte preponderante dei rifiuti in plastica presenti. I risultati sono stati confermati anche nel corso di altre attività di pulizia e audit effettuati in altre nazioni nel corso del 2017.

lascia un commento