No alla centrale a carbone di Saline Joniche, soddisfatte le Associazioni

Il Consiglio Regionale della Calabria ha detto no alla costruzione della centrale a carbone di Saline Joniche, in provincia di Reggio Calabria. Soddisfazione da parte di Greenpeace, Legambiente, LIPU, SLOW FOOD e WWF che commentano: “Si tratta presa di posizione che va ben oltre la dichiarazione politica ma che si traduce nell’impugnazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 15 giugno 2012  con cui si dava via libera all’impianto calabrese”.Tuttavia le Associazioni fanno notare che tra pochi giorni scade il termine per impugnare il decreto in sede amministrativa: “Occorre che la Regione agisca in fretta”.

“Nell’ambito dello scenario energetico nazionale – continuano le associazioni – il caso della Calabria rappresenta al momento una buona eccezione rispetto a quelle altre regioni che non hanno fatto nulla per evitare – o che anzi hanno deliberato a favore – la costruzione ex-novo o la riconversione di nuove unità a carbone. L’auspicio è che la politica nazionale dia un nuovo impulso alle scelte energetiche di tutte le istituzioni coinvolte abbandonando la via del carbone e dei combustibili fossili e che adotti un modello energetico realmente sostenibile, che guardi al futuro basato sul risparmio e sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili”.

Comments are closed.