Pesca, da oggi stop al fermo nell’Adriatico

Si è concluso oggi il fermo pesca da Trieste a Rimini, iniziato lo scorso 16 luglio: dopo 43 giorni di stop i pescherecci potranno tornare in mare e rifornire di pesce fresco i mercati, la filiera, fino alla ristorazione, dal mare dell’alto Adriatico. E’ la Coldiretti a dare la notizia sottolineando come nel piatto sarà possibile ritrovare fritture e grigliate a “chilometri zero” realizzate con il pescato locale. Si torna in mare con la pesca a strascico per il pesce bianco da fondo e volante per il pesce azzurro ma nelle dieci settimane successive alla ripresa l’attività sarà però limitata solo a tre giorni effettivi di pesca, con una aumento di un giorno di inattività settimanale in confronto all’anno 2011.

“Il fermo pesca – spiega Coldiretti – ha l’obiettivo di garantire il ripopolamento o meglio l’accrescimento del novellame di molte specie ittiche bersaglio delle nostre flotte e vanto delle nostra cucina cercando di salvaguardare la nostra produzione dal collasso, dopo un nefasto 2011 che ha visto il pescato subire un calo del 38% rispetto al 2010, con un trend comunque  in costante calo ormai da anni”. “E’ questo un segnale – sottolinea Tonino Giardini, responsabile di Coldiretti Impresapesca – che  forse questa misura così come strutturata ha ormai fatto il suo tempo e deve essere rinnovata, per trovare un equilibrio tra la tutela della risorsa, primo obiettivo, e la tutela delle imprese, che forse questa impostazione di fermo, ormai datata con i suoi quasi 30 anni, non riesce a avere”. Continua invece il blocco con i sistemi di pesca a traino nel tratto di Adriatico da Pesaro a Bari dove l’interruzione dell’attivita’ di pesca è iniziata dal 6 agosto e dura fino al 17 settembre. Per lo Ionio ed il mare Tirreno nelle fascia continentale (da Brindisi a Imperia), il fermo inizia la prossima settimana, ed avrà una durata dal 3 settembre fino al 2 ottobre.  Infine in Sardegna e Sicilia il fermo ha durata di almeno 30 giorni ma è disposta con provvedimento regionali autonomi.

Comments are closed.