Puliamo il mondo, gli appuntamenti nel Bolognese

Anche quest’anno Legambiente con il circolo SettaSamoggiaReno, e con la collaborazione di COSEA Ambiente, organizza 21 appuntamenti della campagna Puliamo il Mondo 2014 nel territorio dell’appennino Bolognese da Sasso Marconi a Castel di Casio, coinvolgendo tra adulti e alunni circa 1500 persone. Come ogni anno, tra il mese di settembre e il mese di ottobre diversi Comuni partecipano all’appuntamento di Legambiente, volto a sensibilizzare i cittadini alla tutela e miglioramento del nostro ambiente. “Và bene Pulire il Mondo una volta all’anno, ma è importantissimo farlo tutti i giorni dell’anno”.

Queste le date e i Comuni aderenti all’iniziativa, che si svolgeranno nella mattinata:

  •  venerdì 26 settembre l’appuntamento è ad Anzola dell’Emilia, Marzabotto, Valsamoggia-Monteveglio, Castello D’Argile;
  •  sabato 27 Settembre, Zola Predosa, Anzola dell’Emilia, Argelato, San Benedetto val di Sambro, Monte San Pietro, Grizzana Morandi, Castel d’Aiano, Gaggio Montano;
  •  domenica 28 settembre Anzola dell’Emilia, Casalecchio di Reno, Castel di Casio, Parco dei laghi-Suviana; mentre l’ultimo appuntamento sarà il 4 ottobre a Sasso Marconi.

Ai partecipanti verranno forniti gratis, guanti e sacchetti per la raccolta dei rifiuti, funzionerà un servizio assicurativo previa iscrizione personale. È gradita la presenza di famiglie con ragazze e ragazzi. Gli organizzatori del Circolo consigliano di indossare vestiti e scarpe adatte e di portare bevande e merende.

La campagna Clean Up the World che muove circa 35 milioni di volontari nel mondo, è organizzata in Italia dal 1994 da Legambiente, che con i suoi soci e sostenitori e una forte capillarità su tutto il territorio nazionale, riesce tramite eventi, campagne di sensibilizzazione, percorsi educativi, a impegnarsi per la salvaguardia dell’ambiente e tenere alta l’attenzione sulle emergenze ambientali del nostro Paese.

Il tema cardine dell’iniziativa per il 2014 sarà la prevenzione dello spreco di cibo per ridistribuire le risorse e combattere gli sprechi. Ideare strumenti e cambiare le abitudini per evitare lo spreco anche nelle scuole, ristoranti e mense è uno dei modi in cui è possibile ridurre gli sprechi:   “Good – Food – Bag” è il sacchetto studiato per il trasporto del cibo; è imbottito, dotato di chiusura e riutilizzabile, prodotto in Italia e in plastica riciclabile, dotato di certificazione per alimenti e certificazione antisoffoco.

Comments are closed.