Young ideas for Europe, le idee dei giovani italiani per la politica energetica dell’Europa

Gli studenti romani del Liceo scientifico Peano hanno partecipato alla seconda edizione del progetto Young ideas for Europe, promosso dall’Organizzazione tedesca Ifok e finanziato dalla Fondazione Borsh. In Italia e Grecia il progetto è stato condotto dai formatori della  Scuola di Cittadinanzattiva.

L’obiettivo del progetto è quello di stimolare nei giovani studenti la partecipazione e il dibattito sul futuro della UE, in particolare sviluppando un loro Piano d’azione per il futuro energetico e i cambiamenti climatici nel vecchio continente.

Presso la sala Consiliare dell’XI Municipio di Roma, 25 ragazzi del Liceo Scientifico Giuseppe Peano di Roma si sono impegnati nella simulazione di una campagna elettorale europea 2020, sostenendo con forza di fronte ad un pubblico di circa 70 coetanei, genitori ed esperti, i propri manifesti politici. Le proposte avanzate sono state inserite nell’Action Plan che verrà presentato da una delegazione proveniente da 26 Paesi alla Presidenza della Commissione Europea il prossimo 6-7 Giugno, delegazione di cui faranno parte due dei ragazzi del Liceo coinvolto.

Tre i partiti che si sfidavano nella competizione elettorale: un partito di centro destra “European Economic group”, il partito del Welfare “Social Party” e il partito ambientalista “Green Dream”. Con 53 voti a favore si è guadagnato la vittoria il Green Dream proponendo nel manifesto una vera e propria rivoluzione culturale.

Le idee principali proposte dal partito sono queste:

  1. finanziamento di programmi formativi ed educativi per studenti e cittadini sulle nuove forme di energia pulita;
  2. promozione delle 4 R: riciclo, recupero, riduzione, riuso dei rifiuti;
  3.  lotta alla corruzione e alla speculazione sul management dei rifiuti e chiusura definitiva delle discariche;
  4. supporto alle iniziative di cars e bikes  sharing nelle città europee;
  5. promozione di nuove forme di trasporto con energia pulita e diffusione delle fonti di energia rinnovabile meno costose per i cittadini.

 

 

Comments are closed.