2007, tre sfide per i Consumatori e per il Governo di A. Longo

Tre grandi sfide, che sono anche opportunità rilevanti, attendono le associazioni dei consumatori nel 2007. Anzitutto la partita delle liberalizzazioni, aperta dal ministro Bersani lo scorso giugno col decreto che ha scompigliato assetti consolidati, rendite di posizione e mercati bloccati. L’onda d’urto provocata da quella iniziativa ancora si fa sentire se, nei bilanci del primo anno del governo Prodi e nella conferenza stampa di fine anno dello stesso presidente del Consiglio, quella delle liberalizzazioni è stata una delle partite attive orgogliosamente rivendicate, con l’impegno di portarla avanti anche nei prossimi anni.

Le associazioni nazionali di consumatori presenti nel Cncu saranno impegnate in una intensa opera di informazione capillare e di sensibilizzazione dei cittadini proprio sulle nuove opportunità nell’offerta dei farmaci, dei taxi, delle polizze Rc-auto o del pane; negli adempimenti dei passaggi di proprietà degli autoveicoli; nel rapporto con gli avvocati e gli altri professionisti. Grazie all’utilizzo delle multe antitrust, saranno realizzati in tutto il paese e in ogni capoluogo di provincia tre grandi progetti, che vedranno impegnate tutte e sedici le associazioni, confermandone ancora una volta il loro ruolo insostituibile nei confronti del cittadino-consumatore.

La seconda sfida-opportunità è offerta dalla conciliazione. Anche in questo caso nel 2007 ci sarà uno sforzo organizzativo e finanziario straordinario per far conoscere questo importante strumento di risoluzione extragiudiziale dei contenziosi, che aiuta soprattutto gli utenti dei servizi a rete, dalla telefonia all’energia, dalle banche alle assicurazioni, nell’ottenere giustizia di fronte ai mille e mille abusi delle grandi aziende. In collaborazione con Unioncamere, e sul territorio con le Camere di commercio, saranno realizzate iniziative di assistenza e consulenza, soprattutto attraverso un centinaio di Sportelli-pilota aperti e gestiti dalle associazioni, e grandi campagne di informazione e comunicazione. Un 2007 quindi che avrà al centro, come protagonista e orientamento del mercato, il cittadino-consumatore.

La terza è la class action. Più che una sfida è una speranza che riponiamo nelle intenzioni e dichiarazioni riformatrici del governo, trovando però l’assenso anche di tutto il Parlamento. Sarebbe il più bel regalo del 2007.

 

Comments are closed.