ACQUISTI. Adiconsum propone Carta da 500 euro per pagare i servizi a partita Iva

Per recuperare il potere d’acquisto delle famiglie, diminuito secondo l’Istat dell’1,6% in un anno, Adiconsum propone una Carta da 500 euro da usare solo per il pagamento dei servizi a partita Iva. L’associazione parte dalla considerazione che uno dei problemi principali del paese è l’evasione fiscale, che condiziona le manovre di riduzione delle tasse. "L’idea della Carta – afferma Adiconsum – al contrario può coniugare una doppia finalità: ricostruire il potere d’acquisto e allo stesso tempo fungere da deterrente contro l’evasione fiscale che riguarda in particolare i lavoratori autonomi a partita Iva".

La proposta è quella di emettere una Carta del valore di 500 euro a famiglia da usare esclusivamente per i pagamenti dei servizi forniti dalle partite Iva: visite specialistiche, riparazione auto o interventi in casa, dunque i servizi forniti ad esempio dal dentista, dal meccanico o dall’idraulico. "Essendo pagamenti tracciati l’obbligo della dichiarazione sul reddito è automatico – afferma l’associazione – Così facendo si farebbe emergere una parte considerevole di lavoro professionale "nero". In altre parole se lo Stato per l’emissione di tale Carta spende 5 miliardi di euro, ne potrebbe recuperare circa la metà attraverso le dichiarazioni dei redditi professionali aggiuntivi".

Comments are closed.