ACQUISTI. Ascoli Piceno, MDC: “Sulle auto usate ancora poche garanzie”

La sede di Ascoli del Movimento Difesa del Cittadino punta il dito contro le concessionarie che vendono auto usate. Un’associata di MDC, che aveva acquistato un’auto usata presso una nota azienda della provincia di Ascoli lo scorso gennaio, ha dovuto sborsare dopo solo due settimane a causa del non funzionamento della batteria, di un giunto, della pompa della benzina e dell’ingranaggio della retromarcia ben 2.700,00 €. La concessionaria ha rifiutato di far fronte alle riparazioni, nonostante l’auto, una Land Rover Freelander pagata oltre 11.000,00 €, fosse stata immatricolata nell’anno 2002 e avesse percorso soltanto 90.000,00 Km.

"Dispiace che operatori professionali del settore – sostiene Micaela Girardi, responsabile della sede ascolana di MDC – cerchino di distorcere il chiaro significato della garanzia di conformità, prevista dal Codice del Consumo anche per i beni usati; quindi, ci impegniamo ad assistere nel modo più ampio la nostra associata". "Infatti, – conclude la Girardi – la tolleranza per l’uso pregresso che la vettura ha avuto, in nessun modo può esentare il venditore dagli obblighi di garanzia quando, come in questo caso, si verifichino rotture improvvise di parti fondamentali per il funzionamento del veicolo, non correlate alla normale usura della vettura, ma dovute a pregressa cattiva manutenzione oppure a sinistri e urti".

Comments are closed.