ACQUISTI. Saldi, indagine CODICI su Bologna: molti negozi senza cartellino prezzi in vetrina

A Bologna sono numerosi i negozianti che non espongono il cartellino dei prezzi in vetrina. È quanto rileva il CODICI ricordando che dal 2 gennaio partiranno i saldi invernali. Le prime regioni saranno la Basilicata, la Campania, l’Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, la Lombardia, le Marche, il Veneto.

L’associazione ha dunque effettuato un’indagine a Bologna, monitorando in tutto 90 attività commerciali fra negozi di abbigliamento/biancheria intima, gioiellerie, profumerie, negozi di elettrodomestici e di informatica, giocattoli e articoli per la casa. "Dalla nostra indagine – sottolinea l’associazione – è emerso che i negozianti maggiormente inadempienti e che non espongono il prezzo in vetrina sono quelli che commercializzano abbigliamento (33%) e soprattutto le "grandi firme" (24%), a seguire le gioiellerie (31%), i negozi di elettrodomestici e di informatica (11%), le giocattolerie (10%), i negozi di articoli per la casa (8%), le profumerie (7%)".

"Esistono delle precise leggi che regolamentano gli acquisti nei negozi, come la normativa in base alla quale è obbligatorio, per i negozianti, apporre il prezzo in vetrina, così come, in tempo di saldi, è obbligatorio indicare lo sconto in percentuale insieme al prezzo normale di vendita (art. 15 D.lgs 114/98) – sottolinea il CODICI – Diffidate, quindi dagli esercizi commerciali che disattendono questa semplice regola".

Comments are closed.