ACQUISTI. Vendite al dettaglio, Istat: “Aumentano a giugno grazie agli alimentari”

A giugno le vendite al dettaglio sono cresciute dello 0,7% rispetto allo stesso mese del 2006 e dello 0,1% rispetto a maggio. A comunicarlo è l’Istat, secondo cui tale risultato è la sintesi di incrementi che hanno riguardato sia le vendite di prodotti alimentari (più 1,2%) sia, in misura più contenuta, le vendite di prodotti non alimentari (più 0,2%). L”aumento delle vendite del commercio è stato più basso dell’inflazione (+1,7% a giugno). Gli indicatori presentati si riferiscono al valore corrente delle vendite e incorporano, quindi, la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi.

A giugno, rispetto allo stesso mese del 2006, l’Istat segnala un aumento delle vendite per la grande distribuzione dell’1,5%. Nei primi sei mesi del 2007 l’incremento sullo stesso periodo del 2006 è stato dello 0,7% per le vendite alimentari e dello 0,5% per quelle non alimentari. In particolare le vendite al dettaglio degli alimentari nel complesso sono aumentate dell’1,2%, meno velocemente quindi dei prezzi nello stesso settore che a giugno sono cresciuti del 2,5%.

Nella grande distribuzione, le cui vendite sono cresciute dell’1,5% a giugno, bene soprattutto gli hard discount (+2,4%) mentre i grandi magazzini frenano (-0,6%). Gli ipermercati segnano un +1,9% delle vendite grazie soprattutto al settore non alimentare (+3,5%) mentre le vendite degli alimentari registrano un -0,1%. Tra i non alimentari sono cresciuti l’abbigliamento (+1,9%) e la cartoleria libri e giornali (+2%) mentre frenano le vendite dei prodotti farmaceutici (-1,7%) e del comparto degli altri prodotti (-1,9%).

Comments are closed.