AGRICOLTURA. Assemblea Coldiretti: sì all’ingresso nella gdo

Strategie per valorizzare l’agricoltura e il modello agroalimentare italiano nel mondo che ha conquistato primati nella qualità, tipicità e nella salubrità. La relazione annuale del presidente di Coldiretti Sergio Marini ha evidenziato questi e altri argomenti. L’Assemblea annuale è stata anche l’occasione per annunciare l’ingresso per la prima volta degli agricoltori nella distribuzione commerciale organizzata in una forma alternativa a negozi di prossimità e alla grande distribuzione, che si va aggiungere alla rete di mercati degli agricoltori e dei punti vendita aziendali di Campagna Amica già attiva sul territorio. Si tratta della punta piu’ avanzata di un processo di crescita delle imprese agricole che ha fatto nascere un modello agroalimentare che è una leva competitiva per il Made in Italy in Italia e nel mondo e può offrire un contributo all’economia, all’occupazione e alla sicurezza alimentare dei cittadini.

Nasce la prima catena di vendita diretta organizzata degli agricoltori italiani "Le botteghe di Campagna Amica" dove saranno offerti solo prodotti nazionali ottenuti dalle aziende agricole e dalle loro cooperative. Si tratta – sottolinea la Coldiretti – di un nuovo e moderno canale commerciale di vendita diretta dei prodotti agroalimentari che si affianca alla Grande distribuzione e ai negozi di prossimità e che va ad integrare la rete già attiva di quasi diecimila frantoi, cantine, malghe, cascine e aziende agricole trasformate in punti vendita e i quasi mille mercati degli agricoltori di Campagna Amica già presenti su tutto il territorio nazionale. Da luglio a settembre – ha annunciato il presidente della Coldiretti Sergio Marini – si apriranno centinaia di "Botteghe" con un unico format in tutte le province italiane dove sarà possibile acquistare una vasta gamma di prodotti degli agricoltori esclusivamente con il marchio Campagna Amica.
L`architettura commerciale si fonda su quattro perni: Campagna Amica, la fondazione che dispone del marchio omonimo; Consorzio Produttori (società cooperativa agricola di cui è socia Coldiretti), lo strumento per realizzare la "catena"; l`imprenditore agricolo che offre il proprio prodotto; e il titolare della "Bottega" che può essere un imprenditore agricolo singolo o associato o una cooperativa. L`agricoltore che vuole rifornire il punto vendita deve accreditarsi presso la Fondazione Campagna Amica e associarsi al Consorzio Produttori. Quindi entra nel portale web dove avviene la gestione della domanda e dell`offerta. Il quadro è completato da un meccanismo di controlli a cui sovrintende la Fondazione Campagna Amica, avvalendosi anche di un ente terzo.

Marini ha anche presentato i prodotti del tutto innovativi della nuova agricoltura che vanno dalle forniture agli spettacoli di burlesque all’agriwellness fino al butterfly wedding a dieci anni dall’approvazione della legge di orientamento (la numero 228 del 18 maggio 2001) fortemente sostenuta dalla Coldiretti che ha allargato i confini dell’attività agricola e ha di fatto rivoluzionato l’attività d’impresa nelle campagne italiane aprendo nuove opportunità occupazionali.
Se Donatella Di Cola in provincia di Frosinone alleva in modo naturale bellissime farfalle per realizzare il butterfly wedding, meglio conosciuto come il volo delle farfalle durante il giorno delle nozze, nato negli Stati Uniti, ma che sta prendendo piede sempre più anche in Italia, Terenzio Boscolo e Loredana Brunello in provincia di Rovigo allevano oltre 300 struzzi che non solo danno carne e uova, ma forniscono bellissime piume che dopo essere state lavate, asciugate e vaporizzate vengono dipinte da mani sapienti per diventare dei meravigliosi ventagli per spettacoli di burlesque. E ancora a Pienza, dove l’argilla senese lavorata con l’olio extravergine di oliva a km0 diventa una vera e propria miscela rigenerante per tutto il corpo, ma anche cetrioli, lavanda, rosmarino e fiori d’arancio si propongono come ottimi alleati della bellezza naturale presso l’agriturismo Casa Picchiata. Qui Gabriella e Nicola Pagotto, grazie al restauro di un vecchio fienile immerso tra olivi secolari e panorama mozzafiato, hanno realizzato un’accogliente zona relax dotata di piscina riscaldata, idromassaggio, nuoto controcorrente, getti cervicali, letti ad acqua, musicoterapia, cromoterapia e zona fitness.

Quanto ai numeri dell’industria agricola, Marini ha dato rilievo al valore dell’export: a All’estero nel 2011 sono stati venduti piu’ cibo e vini che auto, moto e altre vetture Made in Italy a conferma del primato conquistato dall’agroalimentare nazionale che ha visto crescere il valore delle esportazioni dell’11 per cento nel corso del primo trimestre.

Comments are closed.