AGRICOLTURA. Cia: l’Antitrust interviene sui rincari dei concimi

La denuncia degli agricoltori: i prezzi dei concimi sono sempre più elevati e in pochi mesi i rincari hanno superato il 60%. Il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi aveva dunque chiesto all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di verificare se nel settore ci siano stati aumenti anomali o ingiustificati. Ora, annuncia la Cia, l’Antitrust interviene sui rincari dei concimi.

La richiesta avanzata dalla Cia lo scorso mese di ottobre ha infatti trovato – afferma la confederazione – un pronto riscontro da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato che ha attribuito, per competenza, alla Direzione Agroalimentare e Trasporti il compito di verificare se ci sono stati aumenti anomali e ingiustificati o se si è creato un vero e proprio "cartello" da parte delle industrie e dei distributori, compresi i Consorzi agrari.

Nella lettera inviata all’Antitrust il presidente della Cia Politi denunciava la difficoltà delle imprese agricole "costrette ad acquistare concimi a prezzi sempre elevati", con rincari in pochi mesi superiori al 60% in media e, rispetto alle quotazioni del 2006, con impennate anche del 600%.

"Uno scenario sempre più allarmante per gli agricoltori – afferma la Cia – che fanno i conti con rincari così repentini che non hanno giustificazioni plausibili, anche in presenza degli aumenti delle materie prime". Da qui la mobilitazione degli agricoltori con un sit in indetto per il 20 novembre davanti alla Camera dei Deputati.

 

 

 

Comments are closed.