ALIMENTAZIONE Camera Commercio di Cuneo: una guida per raccontare il vino attraverso le etichette

Una Guida per chi fa il vino, per chi lo etichetta e per chi lo beve. E’ questa la ricetta per rendere chiaro e sicuro il mercato enologico proposta oggi ad Alba dalla Camera di Commercio di Cuneo. Nell’ambito dell’incontro "L’etichettatura del vino e delle bevande alcoliche" organizzato nelle Langhe, infatti, il laboratorio chimico della Camera di Commercio di Torino e il Dipartimento di Scienze Merceologiche della Facoltà di Economia dell’Università di Torino hanno presentato una Guida che riepiloga gli obblighi da parte dei diversi soggetti della filiera vinicola ed illustra le caratteristiche richieste per una etichettatura corretta, in grado di rendere note origine ed altre informazioni essenziali del prodotto e consentire una adeguata tracciabilità. L’obiettivo è quello di armonizzare le esigenze di consumatori sempre più informati e consapevoli con quelle dell’imprese che, pur impegnate nella difesa del segreto industriale, sono comunque interessate alla tracciabilità e alla chiarezza del mercato.

"In un contesto che vede la nostra produzione enologica imporsi con autorevolezza a livello internazionale – ha sottolineato il presidente della Camera di commercio di Cuneo, Ferruccio Dardanello – il rispetto rigoroso delle disposizioni in vigore è irrinunciabile. Non possono che derivarne vantaggi per un prodotto che, in decenni di grande impegno dalla vigna alla commercializzazione, ha conquistato un ruolo di rilievo, collocandosi al top delle scelte del consumatore. Ogni iniziativa capace di potenziare un processo di qualificazione già avanzatissimo non può che incidere favorevolmente, dando ulteriore sicurezza al destinatario finale e ponendolo al riparo da eventuali imitazioni. In tale ottica l’imposizione di regole è, dunque, guardata con fiducia, nella convinzione che le nostre Docg e Doc possano trarne vantaggi sul piano dell’immagine e della fedelizzazione".

 

Comments are closed.