ALIMENTAZIONE Cibi clonati, nessun accordo tra Parlamento e Consiglio. Resta il vecchio regolamento

L’ultima occasione per aggiornare il regolamento comunitario sui nuovi alimenti, "Novel Food", è saltata senza un risultato positivo. Le trattative che si sono svolte durante la notte tra Parlamento Europeo e Consiglio dei Ministri UE, con la Commissione Europea in veste di mediatore, non hanno portato ad un accordo; il testo di compromesso del Parlamento è stato rifiutato e le posizioni delle istituzioni comunitarie sulla questione dei cibi clonati sono ancora molto distanti. Resta dunque in vigore l’attuale regolamento sui nuovi alimenti, che è stato adottato nel 1997 e che non impedisce l’arrivo di cibi clonati sulle tavole degli europei.

"E ‘molto frustrante che il Consiglio non vuole ascoltare l’opinione pubblica né sostenere misure urgenti per proteggere gli interessi dei consumatori e il benessere degli animali – ha commentato Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento Europeo – Il Parlamento ha chiesto a maggioranza un divieto sui prodotti alimentari ottenuti da animali clonati e dai loro discendenti. Abbiamo fatto un grande sforzo di compromesso, ma non siamo disposti a tradire i consumatori sul loro diritto di sapere se un alimento proviene da animali allevati utilizzando cloni. Poiché l’opinione pubblica europea è a gran maggioranza contro la clonazione di prodotti alimentari, l’impegno ad etichettare tutti i prodotti alimentari che derivano da prole clonata è il minimo sforzo che il Consiglio dovrebbe fare; almeno garantire il suo sostegno all’etichettatura delle carni bovine fresche. Le misure in materia di discendenti da cloni – ha aggiunto Pittella – sono assolutamente critiche, perché i cloni sono commercialmente autorizzati solo per l’allevamento, non direttamente per la produzione alimentare. Nessun agricoltore spenderebbe 100.000 euro per un toro clonato, ma ne spenderebbe per farne hamburger. Infine – ha concluso Pittella – continueranno a non esserci misure speciali sui nanomateriali nei prodotti alimentari".

 

Comments are closed.