ALIMENTAZIONE Clonazione, EFSA: “Nulla lascia supporre che esistano differenze in carne e latte”

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato oggi una dichiarazione scientifica sulla clonazione animale che conferma il precedente lavoro svolto. Così, si legge in una nota, "dopo un attento riesame dei dati scientifici pertinenti, l’EFSA conferma le sue precedenti conclusioni e raccomandazioni, secondo cui: il tasso di mortalità e il numero di animali affetti da anomalie dello sviluppo alla nascita è più alto nei cloni rispetto agli animali allevati in modo tradizionale; in termini di sicurezza alimentare, nulla lascia supporre che esistano differenze nella carne e nel latte dei cloni e della loro progenie rispetto a quelli di animali allevati in modo tradizionale; le informazioni disponibili sulla clonazione di specie diverse dai bovini e dai suini sono ancora limitate; pertanto al momento la valutazione del rischio può essere condotta solo su queste ultime due specie".

Il comitato scientifico ha infatti convenuto che non sono emersi nuovi dati scientifici che inducano a riconsiderare le conclusioni e le raccomandazioni del lavoro precedentemente svolto sull’argomento dall’Autorità.

Comments are closed.