ALIMENTAZIONE Conserve di pomodoro fatte in casa, Federconsumatori lancia allarme

E’ allarmante il responso del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione in merito alle conserve di pomodoro fatte in casa che presentavano un forte odore di cloro o di sostanza chimica. A sostenerlo è Federconsumatori. Alla sede abruzzese dell’Associazione, infatti, si sono rivolti numerosi cittadini che avevano riscontrato tali anomalie nelle conserve. Gli stessi si erano rivolti anche alle autorità sanitarie locali che hanno avviato una serie di controlli giungendo alla conclusione – notificata ai cittadini – che tale prodotto "non è conforme" e "non è idoneo al consumo umano", aggiungendo anche che "sono da ritenersi non idonei al consumo umano i prodotti lavorati in condizioni tecnologiche simili".

La ASL di Teramo ha confermato, inoltre, che la responsabilità di tale alterazione è imputabile al prodotto fitosanitario fungicida Volare, della ditta Bayer CropScience, in quanto dalle ricerche è emerso che le colture dei pomodori in questione erano state trattate con tale prodotto, rispettando però gli intervalli di sicurezza e tutte le indicazioni riportate in etichetta.

Alla luce di ciò, Federconsumatori, richiede il ritiro di tale prodottodal mercato e che si informi in maniera tempestiva ed adeguata gli agricoltori che ancora ne fossero in possesso ed i rivenditori di tale prodotto di non utilizzarlo. L’Associazione avvierà una serie di procedure al fine di tutelare la salute dei cittadini, a partire dalla sollecitazione di un intervento urgente da parte del Ministero della Sanità, perché avvii immediatamente gli indispensabili controlli ed indagini del caso, al fine di individuare con precisione la portata e la diffusione dei rischi sull’intero territorio nazionale.

Comments are closed.