ALIMENTAZIONE EFSA valuta sicurezza di un dolcificante: ok ma attenzione a dosi eccessive

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha valutato la sicurezza dei glicosidi steviolici, dolcificanti estratti dalle foglie di una pianta, e ha stabilito una dose giornaliera accettabile per il loro consumo che non comporti rischi per la salute: si tratta di 4 mg/kg peso corporeo/die, un livello ritenuto coerente con quanto già disposto dal comitato congiunto di esperti della FAO e dell’OMS sugli additivi alimentari. La valutazione del gruppo di esperti dell’EFSA è stata trasmessa alla Commissione europea, che, informa l’Agenzia, "dovrà decidere se autorizzare o meno le sostanze nell’Unione europea per l’uso proposto, in particolare in alimenti senza zucchero o a ridotto tenore calorico come alcune bevande aromatizzate, confetteria senza zucchero aggiunto o zuppe a ridotto tenore calorico".

Gli esami svolti hanno evidenziato che la sostanza non è legata a effetti avversi negli adulti o nei bambini. Ma la dose giornaliera ammissibile, rileva l’EFSA, può in effetti essere superata sia dagli adulti sia dai bambini se tali dolcificanti sono impiegati ai massimi livelli come proposto dai richiedenti.

I glicosidi steviolici sono dolcificanti intensi estratti dalle foglie della pianta Stevia (Stevia rebaudiana Bertoni). Il potere dolcificante di tali sostanze, quali gli steviosidi e i rebaudiosidi, è 40-300 volte superiore a quello del saccarosio.

Comments are closed.