ALIMENTAZIONE Lombardia, arriva l’MCP per certificare la qualità dei prodotti “local”

Per vincere la sfida dei prodotti tipici – soprattutto in vista dell’Expo 2015 che ha per tema "nutrire il Pianeta" – è stato istituito il Marchio collettivo provinciale (MCP), che potrà essere utilizzato per contraddistinguere i prodotti del settore agroalimentare caratterizzati da elevata tipicità e qualità. L’MCP è ormai realtà dopo l’approvazione di uno specifico progetto di legge avvenuta la settimana scorsa in Commissione "Attività produttive" e votata oggi dal Consiglio regionale.

Il marchio collettivo provinciale potrà essere utilizzato per contraddistinguere i prodotti del settore agricolo e agroalimentare caratterizzati da elevata tipicità e qualità e va nella direzione di promuovere e tutelare ulteriormente la produzione locale di particolare pregio e valore.

"La necessità di contrassegnare questi prodotti con la provenienza del territorio di origine – ha spiegato la relatrice Luciana Ruffinelli – nasce dall’esigenza di favorire il consumo di beni locali. I prodotti che presenteranno questo marchio rappresentano il fiore all’occhiello della produzione che la terra lombarda può offrire al panorama italiano e mondiale. Prodotti ricchi di sapori autentici e genuini ma soprattutto prodotti sicuri, di qualità garantita, di provenienza certa e rispettosi delle più antiche tradizioni locali della provincia di appartenenza".

Prodotti "local", come latte, carni, confetture, farine, olio e vino – che per ragioni non di qualità ma di burocrazia non superavano la griglia delle procedure per ottenere la denominazione di origine – potranno vedersi assegnare ora l’MCP, che non vuole essere un semplice marchio, ma una corsia preferenziale per i consumatori più vicini.

"Ci siamo battuti per quei produttori che invocavano un’etichetta chiara, con tanto di provenienza dei singoli ingredienti – ha concluso Enzo Lucchini, vicepresidente del Consiglio regionale – .Sicurezza di qualità, prezzo conveniente e chilometro zero, sono i requisiti essenziali a cui oltre 4 milioni di famiglie guardano quotidianamente al momento di fare la spesa, soprattutto in tempi di crisi".

La parola passa ora alla distribuzione (dettaglianti e grande distribuzione organizzata), che dovrà promuovere e valorizzare i prodotti a marchio MCP per farli arrivare sulla tavola dei consumatori

di Flora Cappelluti

Comments are closed.