ALIMENTAZIONE MDC Marche: premiate le buone pratiche dell’agroalimentare regionale

Sono il Consorzio produttori "Oliva ascolana del Piceno Dop" e il centro "Terra d’Incontro" della Cooperativa "La Fraternità" le due realtà che si sono aggiudicate il premio "Le buone pratiche dell’agroalimentare marchigiano", conferito oggi presso la sede della Regione Marche a conclusione del progetto "Le Marche a Tavola 2010" ideato dal Movimento Difesa del Cittadino Marche e cofinanziato dalla Regione. Parole chiave dell’iniziativa: qualità, tipicità e utilità sociale.

"A conquistare la giuria – informa una nota stampa – sono state la qualità e la tipicità della neofita Dop "Oliva ascolana del Piceno", una realtà di nicchia in grado però di offrire al consumatore un prodotto espressione della tradizione rurale e gastronomica locale, tutelato contro le scadenti imitazioni grazie alla tenacia di pochi. Ad oggi si contano nelle Marche solo 18 olivicoltori riconosciuti per un totale di 6.015 piante censite e oltre 152 quintali di oliva verde conferita dai produttori ai trasformatori di oliva in salamoia. Testimonianza di come il lavoro agricolo non si esaurisca in attività di produzione e offerta è l’esperienza del Centro "Terra d’Incontro" di Montecassiano, emanazione della cooperativa sociale "La Fraternità". Si tratta di un centro educativo agricolo per persone svantaggiate che produce frutta e verdura biologica, acquistata da mense scolastiche e gruppi di acquisto solidale, con l’obiettivo di valorizzare la terra quale strumento di educazione al lavoro per i ragazzi svantaggiati ma anche per la società che impara ad accogliere il loro lavoro".

Commenta il presidente MDC Marche Micaela Girardi: " Sono state premiate due realtà virtuose dell’agroalimentare marchigiano molto diverse ma accomunate dalla esigenza di maggiore conoscenza da parte dei consumatori: la toccante esperienza del Centro Terra d’Incontro di cui è portatore Denis Marini a Montecassiano vuole contare su continuità di ordinativi per accogliere un numero più alto di ragazzi svantaggiati. L’iscrizione nel registro DOP per l’oliva ascolana è il risultato virtuoso di una scelta molto impegnativa che è ancora poco conosciuta dai marchigiani. Una maggiore consapevolezza del consumatore può far crescere la produzione locale di alta qualità, ma per ottenere ciò serve un impegno più forte delle istituzioni".

Comments are closed.