ALIMENTAZIONE Milano, al via un progetto per educare i bambini al gusto della salute

Per spiegare ai bambini cosa vuol dire mangiare bene, sta per partire un nuovo progetto di educazione alimentare, dedicato ai docenti e agli studenti delle scuole primarie. E’ stato presentato a Milano il progetto ‘Il gusto della salute’, un’iniziativa che rientra nel piano nazionale per il benessere dello studente, con il sostegno del ministero della Pubblica Istruzione.

L’obiettivo di questo progetto, elaborato dall’Istituto nutrizionale Carapelli, è educare i bambini alla sana alimentazione attraverso il supporto formativo di attività, giochi e riflessioni personali che si basano sull’esperienza diretta, come l’assaggio di cibi e bevande o la lettura critica delle etichette.

La proposta si rivolge soprattutto alle classi quarte delle elementari e ha un particolare riguardo per l’utilizzo di oli e grassi. ‘"E’ fondamentale curare tutti gli aspetti dell’educazione – ha sottolineato il direttore generale dell’ufficio scolastico regionale Anna Maria Dominici – privilegiando l’aspetto del mangiare in maniera salutare".

"Il Gusto della Salute" è stato sperimentato e validato coinvolgendo circa 550 studenti di quarta elementare delle scuole di Firenze, Milano, Roma, Voghera e Napoli, che hanno risposto con entusiasmo. Il materiale è a disposizione di tutte le scuole elementari del territorio nazionale che ne vogliano fare richiesta per promuovere, in ottemperanza alla direttive comunitarie e nazionali, un corretto stile alimentare. Uno dei primi obiettivi che si pone il progetto "Il Gusto della Salute" infatti è proprio quello di "educare al gusto" attraverso un approccio sensoriale verso il cibo che si snoda in un percorso di esperienze dirette, con una netta preferenza per la metodologia che privilegia "l’imparare attraverso il fare" piuttosto che il trasferimento di concetti alimentari corretti ma poco accattivanti per i bambini.

La positività della metodologia applicata è stata confermata proprio dalla prima fase pilota del progetto che ha riscontrato un forte interesse da parte dei bambini che si sono messi subito in gioco con entusiasmo e impegno. Il lavoro di lettura delle etichette è stato particolarmente apprezzato ed anche la tecnica dell’assaggio è stata apprezzata, pure quella di un alimento un po’ difficile per un bambino, come può essere il gustare il sapore dell’olio di oliva.

Comments are closed.