ALIMENTAZIONE Ministero Salute smentisce voci su depenalizzazione reato

Vendere cibi adulterati: non sarà più reato. La notizia pubblicata sul Corriere della Sera fa discutere tanto da indurre il Ministero della Salute a smentire l’eventualità di un emanando Codice alimentare che – secondo il Corriere – contemplerebbe l’immunità per chi tra produttori, importatori, venditori, ristoratori, mense e distributori si macchia di gravi reati come la vendita di cozze infette dal virus dell’epatite.

Il Codice, la cui esistenza è stata – come già detto – smentita dallo stesso Ministero della Salute, ipotizza in questi e altri casi solo l’irrogazione di una multa che va dai 10 agli 80mila euro. Il Ministero fa sapere nella nota della "smentita" che "la materia è ancora all’esame degli uffici a livello tecnico e nulla è stato ancora definito".

SICUREZZA ALIMENTARE. MDC e Legambiente presentano il Rapporto "Italia a tavola 2007"

Comments are closed.