ALIMENTAZIONE Pasqua, Coldiretti: un terzo del cibo acquistato rischia di essere buttato

Per Pasqua gli italiani hanno speso in tutto circa 3 miliardi di euro in cibo, prodotti alimentari e bevande. E a fronte di tutto quello che è rimasto in tavola, nei frigoriferi o nelle dispense, si rischia di buttare via circa un terzo del cibo acquistato o regalato. Cibo pari a un valore di circa un miliardo di euro di spesa che può essere salvato dalla spazzatura riciclando: preparando polpette, frittate, pizze farcite, dolci. È quanto afferma Coldiretti sottolineando che "tutte le case dopo il periodo pasquale sono piene di dolci avanzati, pane indurito, agnello non consumato, uova in prossimità di scadenza, salumi e formaggi vari e pezzetti di cioccolato ovunque che con un po’ di fantasia possono essere recuperati con gusto. I piatti antispreco del dopo Pasqua – precisa la Coldiretti – sono tanti e per prepararli basta solo un po’ di creatività. La colomba, per esempio può essere consumata a colazione magari ripassandola in forno per renderla più croccante, le diverse pizze rustiche possono diventare un ottimo antipasto dei giorni successivi e il vino avanzato può essere utilizzato in cucina per insaporire e sfumare diversi piatti". Secondo Coldiretti, "recuperare il cibo è una scelta di sobrietà che fa bene all’economia e all’ambiente".

Comments are closed.