ALIMENTAZIONE Pasqua, i prodotti tradizionali trionfano sulla tavola

Sono 4255 i prodotti tradizionali tra cui scegliere in occasione delle festività che per la maggioranza degli italiani sono anche l’occasione per riscoprire antichi sapori e ricette alimentari tramandate da generazioni. E’ quanto afferma la Coldiretti che ricorda come sia sopratutto tra molte mura domestiche che si svolge il rito della preparazione e del consumo di specialità alimentari caratteristiche della Pasqua per una spesa casalinga complessivamente stimata per il pranzo in un miliardo di euro, circa 20 euro a testa, la metà della cifra spesa in media dai tre milioni di italiani al ristorante.

Fiadoni in Abruzzo, Fugassa pasquale in Veneto, Titole e Pan de fighi in Friuli, Pitte con niepita in Calabria, Torta Pasqualina in Liguria, Scarcedda in Basilicata, Torta pasquale in Sicilia, Crescia di Pasqua nelle Marche, Salame di Filzetta in Lombardia, Cutturidd in Puglia, Pastiera in Campania, Vovi e Sparasi in Veneto e Ciaramicola in Umbria sono solo alcuni nomi delle specialità regionali preparate nelle case degli italiani sulla base di ricette della tradizione che nascondono spesso piccoli segreti familiari che le rendono inimitabili dai grandi marchi industriali.
E se tra parenti e amici non c’è più chi custodisce e prepara i sapori dell’antica tradizione, una alternativa coerente – sottolinea la Coldiretti – è rappresentata dagli agriturismi della campagna italiana dove più radicate sono le tradizioni alimentari ed è ancora possibile gustare autentiche specialità regionali fatte con ingredienti genuini e ricette uniche del territorio.

Comments are closed.