ALIMENTAZIONE Si amplia tabella dei beni connessi all’attività agricola

Lo scorso 10 settembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, con il quale è stata aggiornata la tabella dei beni che possono essere oggetto delle attività agricole connesse. Da oggi gli agricoltori potranno vendere direttamente anche pane, panini, cialde, rustici, pizzette ed altre specialità salate. Ma non solo. Il decreto del 5 agosto comprende anche la produzione di farina o sfarinati di legumi da granella secchi, di radici o tuberi o di frutta in guscio commestibili, la produzione di grappa, la produzione di malto e la produzione di birra che sono considerate attività agricole a tutti gli effetti.

Si tratta di una innovazione importante che – sottolinea la Coldiretti – incentiva la possibilità in Italia di portare in tavola pane o pizze fragranti di qualità garantita dal campo alla tavola con la certezza di assicurarsi un prodotto veramente Made in Italy, in un mercato dove la metà del pane in vendita è ottenuto con farina importata senza alcuna indicazione per i consumatori.

Comments are closed.