ALIMENTAZIONE Ue su biologico, Legambiente: “Italia mantenga linea rigore su soglie tolleranza”

L’Italia con 156 prodotti a marchio Dop e Igp è il paese capofila in Europa per produzioni tipiche, vantando la bellezza di 4.100 prodotti agroalimentari tradizionali. Sul fronte della produzione biologica siamo in costante crescita, con quasi 50mila aziende specializzate nel 2005 (+20% rispetto al 2004) e oltre un milione di ettari di superficie coltivata, pari a 1/5 del totale (fonte Inea), seguiti nell’ordine da Spagna e Germania. Purtroppo, a fronte di questa leadership non corrisponde il primato nei consumi, tanto che esportiamo oltre 1/3 della produzione nazionale: nel mercato degli acquisti, che è cresciuto in Europa del 10%, svetta la Svezia (+20%), quindi Germania (+14%) e Francia e Olanda (+11%). A dirlo è Legambiente che attraverso Francesco Ferrante, direttore generale aggiunge: "Forti di questi numeri, il nostro Paese non può che opporsi con fermezza a qualsiasi tentativo di introdurre delle soglie di tolleranza, che consentirebbe la contaminazione tra colture ogm e ogm free . E’ fondamentale garantire che la fiducia che i consumatori hanno nei confronti della produzione biologica sia ben riposta. E, allo stesso tempo, occorre sostenere l’impegno delle aziende che hanno scelto di produrre secondo i criteri del biologico".

In pratica è’ questo l’appello che Legambiente in occasione del Consiglio dei ministri dell’Agricoltura della UE in corso a Bruxelles in queste ore, dove Italia, Austria, Grecia, Ungheria e Belgio sono i soli a schierarsi contro l’introduzione di una soglia di tolleranza per le coltivazioni ogm.

"Ora che la palla passa al Parlamento Europeo, occorre che Regioni, Comuni, agricoltori e associazioni ambientaliste e dei consumatori facciano pressione perché in quella sede si raggiunga una posizione netta contro le infiltrazioni Ogm. Per questo, forti delle dichiarazioni del ministro De Castro, facciamo appello a tutti i nostri parlamentari europei perché si impegnino sul fronte della tolleranza zero".

 

Comments are closed.