ALIMENTAZIONE Verso etichetta latte UHT. Soddisfatti agricoltori e consumatori

Verso la tracciabilità del latte a lunga conservazione e del latte UHT. È stato infatti presentato dal ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia lo schema di decreto ministeriale recante "Norme in materia di etichettatura del latte sterilizzato a lunga conservazione, del latte UHT, del latte pastorizzato microfiltrato e del latte pastorizzato ad elevata temperatura, nonché dei prodotti lattiero-caseari". Obiettivo: garantire la tracciabilità dei prodotti, del latte e dei suoi derivati. Il provvedimento verrà poi notificato alla Commissione europea per le valutazioni di competenza. Soddisfatta la Coldiretti, per la quale si tratta di "un importante primo risultato della mobilitazione della Coldiretti a difesa del Made in Italy".

"Dopo l’extravergine di oliva e il latte ed i suoi derivati si apre la strada – sottolinea la Coldiretti – all’etichettatura trasparente per tutti i prodotti alimentari che sono ancora anonimi, dalla carne di maiale a quella di coniglio ed agnello, dai succhi di frutta alle conserve vegetali". Lo schema di decreto obbliga a indicare l’origine del latte impiegato nel latte a lunga conservazioni e nei prodotti lattiero caseari, vieta l’impiego di polveri di caseina e caseinati nella produzione di formaggi, regolamenta l’uso di semilavorati industriali nella produzione di formaggi e mozzarelle, che dovrà essere indicato in etichetta.

A oggi, i cibi con l’indicazione di provenienza comprendono carne di pollo e derivati, carne bovina, frutta e verdura fresche, uova, miele, passata di pomodoro, latte fresco, pesce, extravergine di oliva.

La "carta d’identità" dei prodotti lattiero-caseari è accolta con soddisfazione da Federconsumatori: "Si tratta senz’altro di un grande passo in avanti, ma bisogna ancora proseguire su questa strada perché la massima trasparenza nella tracciabilità sia resa possibile per tutti i prodotti alimentari, nessuno escluso – commenta l’associazione – Inoltre, riteniamo necessario affiancare a questa battaglia anche un processo di riorganizzazione e razionalizzazione dell’intera filiera".

Comments are closed.