AMBIENTE: Intesa tra il Comune di Milano e World Bank

"Un accordo molto importante, perché è la prima intesa comune che la Banca mondiale firma con una città". Così il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha definito l’intesa siglata questa mattina con Cyril Muller, direttore dell’Europe World Bank, in apertura del convegno "Climate Change and Urban Sustainable Growth".

La firma del "memorandum of understanding" apposta questa mattina permetterà di incrementare i 52 milioni di euro di aiuti ai Paesi in via di sviluppo in tema di cambiamenti climatici già stanziati nell’ambito di Expo 2015 e di avvalersi delle competenze della Banca Mondiale nella predisposizione di progetti sul tema.

"E’ il primo accordo che collega la città di Milano alla Banca mondiale sul tema dei cambiamenti climatici, ponendo le basi di una sinergia forte per dare vita a programmi concreti nei Paesi in via di sviluppo – ha spiegato il sindaco – e mette a disposizione della città di Milano e del comitato Expo il know how della Banca mondiale sui cambiamenti climatici. A questi fondi possiamo aggiungere, in base all’accordo che abbiamo firmato oggi con la Banca Mondiale, altri fondi della Banca Mondiale su progetti condivisi".

A margine del convegno, ai giornalisti che chiedevano commenti sul recente scandalo delle "bollette del gas gonfiate" dall’Aem (ora A2A) a danno dei cittadini/utenti milanesi (vedere articolo 8 luglio 2008), il sindaco di Milano ha fatto sapere di aver chiesto un incontro con l’azienda energetica A2A per avere chiarimenti sulla vicenda sulla quale si sono da poco chiuse le indagini della Procura di Milano.

"Ho chiesto ieri, e oggi avrò – ha dichiarato Letizia Moratti a Help Consumatori – a margine del convegno – una riunione con A2A su questo tema che ovviamente è di grande importanza per i cittadini milanesi. Ho chiesto ad A2A – ha concluso il sindaco – di darmi tutte le notizie per capire se ci sono stati dei pagamenti sbagliati e come A2A intenda ripagarli".

 

Comments are closed.