AMBIENTE. 5 ottobre: in tutte le piazze italiane è Biodomenica

Domenica prossima, 5 ottobre, nelle piazze di tutta Italia torna la bontà e il gusto dei prodotti biologici. Anche quest’anno, infatti, torna la Biodomenica, l’iniziativa di Aiab e Legambiente per sensibilizzare all’uso dei prodotti biologici che – come sostengono le associazioni – aiuta il consumatore, il produttore e il clima.

"Un contributo significativo ai mutamenti climatici – ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente – può infatti venire dall’agricoltura sostenibile, rispettosa della biodiversità e legata ai territori di produzione, capace di contribuire alla riduzione delle emissioni derivanti da carburanti fossili e dai gas serra e di incrementare l’assorbimento di carbonio da parte delle piante e del suolo. L’agricoltura biologica, oltre a non contaminare i suoli per l’assenza di pesticidi chimici, grazie alla varietà colturale contribuisce al mantenimento dello stato di salute del territorio e richiede minori consumi d’acqua."

Una ricerca fatta negli Usa da ricercatori dell’Usda (Dipartimento d’agricoltura degli Stati Uniti), del Rodale Institute e della Cornell University conclude che un campo coltivato ad agricoltura biologica trattiene fino a sei volte la quantità di carbonio per ettaro all’anno in più rispetto al campo convenzionale. Dal punto di vista del bilancio energetico un campo lavorato a bio fa risparmiare il 48,7 % del consumo. Discorso simile per le emissioni di Co2 equivalente: mangiare bio riduce del 30% l’inquinamento (studio realizzato in Austria da Freyer e Weik, dell’Università di Vienna – Boku).

Col bio, dunque, si può contrastare il cambiamento climatico, ma anche l’erosione del potere d’acquisto, come spiega Andrea Ferrante, presidente AIAB: "Ormai la forbice di prezzo tra i prodotti convenzionali e quelli biologici si è notevolmente ridotta, tanto più se si acquista attraverso i canali alternativi alla distribuzione convenzionale. Oltretutto, essendo meno dipendente la petrolio, la produzione biologica è meno condizionata dalla dinamica dei prezzi di quest’ultimo. In prospettiva, dunque, i costi del bio manterranno una stabilità che permetterà un prezzo equo e giusto sia per il consumatore che per il produttore".

Per maggiori informazioni sul programma della Biodomenica, consultare il sito www.biodomenica.it

Comments are closed.