AMBIENTE. A Marzio (VA) un laboratorio mobile studierà lo stato dell’aria in estate

Sorgerà a Marzio (VA), nella Comunità montana della Valganna-Valmarchirolo il laboratorio di monitoraggio dell’ozono. L’Agenzia regionale per l’ambiente (Arpa) di Varese e la Provincia hanno raggiunto un’intesa in questo senso, intesa che si è trasformata in una convenzione che la Giunta provinciale ha approvato. Il laboratorio sarà mobile e verrà collocato nella stagione estiva in un’area dell’ex colonia Bolchini, nella parte alta di Marzio e dovrà rilevare le concentrazioni di ozono nell’atmosfera oltre agli altri principali inquinanti atmosferici, dal biossido di azoto, allo zolfo, dall’anidride carbonica agli ormai noti Pm10.

Provincia e l’Agenzia regionale dell’Ambiente danno così avvio ad un’intesa che, se nasce ora in via sperimentale, è suscettibile di sviluppi futuri. Per Villa Recalcati l’iniziativa sarà seguita direttamente dall’Assessorato di Francesco Pintus, l’ex magistrato che guida il settore Ambiente. Il laboratorio mobile sarà collocato e "traslocato" alla fine della stagione estiva dall’Arpa che raccoglierà i dati e, anno dopo anno, li potrà confrontare per avere un dato di evoluzione (o involuzione) del fenomeno conosciuto come "buco dell’ozono". In questa fase d’avvio la Convenzione è stata stipulata con validità fino al 22 marzo 2010, quando scadrà la concessione in comodato d’uso dell’ex colonia con la Provincia.

Per Villa Recalcati l’operazione costerà pochissimo, meno di 5.500 euro. Per il territorio sarà invece un servizio di indagine e analisi della qualità dell’aria, il primo in grado di effettuare concretamente un rilievo dell’incidenza dell’ozono soprattutto nella stagione più calda quando è proprio l’ozono ad aumentare la concentrazione nell’atmosfera.

 

Comments are closed.