AMBIENTE. Al via campagna “Uno contro Uno, conviene a tutti. Conosciamo il valore dei Raee”

Si chiama "Uno contro Uno, conviene a tutti. Conosciamo il valore dei Raee", ed è la campagna di informazione sulla corretta gestione dei rifiuti derivanti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche promossa da Cittadinanzattiva con il sostegno di ECODOM, Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici. In 50 città verrà distribuita la guida con tutte le informazioni sulla normativa sui rifiuti elettronici e, presso le sedi locali dell’Associazione sarà possibile anche segnalare disservizi e ricevere assistenza.

La guida è consultabile anche sul sito www.cittadinanzattiva.it/emergenza-rifiuti.html. La campagna di informazione prevede anche un coinvolgimento diretto dei cittadini, sia attraverso la raccolta di foto-denuncia e testimonianze (da inviare a: rifiuti@cittadinanzattiva.it) sia l’avvio di un monitoraggio in diversi capoluoghi del Nord-Centro-Sud nei quali monitori di Cittadinanzattiva debitamente formati andranno a verificare l’applicazione delle novità legislative relative ai Raee. Si potrà così valutare se i commercianti sono adeguatamente informati e disponibili a fornire tutte le informazioni del caso.

Cittadinanzattiva ricorda il forte impatto in termini di sostenibilità ambientale della normativa sui Raee: la produzione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche ammonta a circa 1 milione di tonnellate ed è destinata a crescere nei prossimi anni. In base ai dati forniti dalla Commissione Europea ogni cittadino italiano produce in media 15 kg di Raee all’anno e di questi solo 2 kg vengono intercettati e trattati in modo corretto a fronte dell’obiettivo dei 4 kg previsti dalla normativa italiana e della media europea di 7 kg.

"La normativa in materia di Raee – commenta il vicesegretario generale di Cittadinanzattiva Antonio Gaudioso – basata sul principio del "chi inquina paga" chiama ad un collettivo senso di responsabilità, visto che ciascuno è chiamato a fare la sua parte, e una corretta gestione dei rifiuti è ovviamente nell’interesse di tutti. Purtroppo ancora in pochi conoscono le novità riguardanti le gestione dei rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, spesso a tutto vantaggio degli operatori del mercato meno sensibili alle istanze di tutela dei cittadini. Anche diffondendo e pretendendo il rispetto della normativa si creano i presupposti per una felice soluzione dell’emergenza rifiuti".

 

 

Comments are closed.