AMBIENTE. Ambientalisti, cacciatori e agricoltori contro cambiamento della legge sulla caccia

Ambientalisti, cacciatori e agricoltori si uniscono per opporsi al cambiamento della legge sulla caccia e avviano un tavolo di lavoro congiunto. Il messaggio unitario è stato lanciato oggi da Amici della Terra, Arcicaccia, Coldiretti, Confagricoltura, Confederazione Italiana Agricoltori, Fare Verde, Federazione Italiana della Caccia, Italcaccia, Legambiente, Lipu e WWF, che chiedono alle forze parlamentari di impedire il ritorno a un "muro contro muro" fra le istanze sociali e tutelare patrimonio faunistico, agricoltura e attività venatoria.

"Chiediamo al Parlamento – affermano le associazioni – di fermare l’iter dei disegni di legge sulla caccia presentati da diversi parlamentari nei giorni scorsi e assegnati alla Commissione Ambiente del Senato, tutti finalizzati a stravolgere nei suoi principi fondamentali l’attuale normativa. Una legge, la 157/92, che ha saputo, invece, mettere insieme differenti esigenze sociali ed economiche, nel rispetto della conservazione dell’importante patrimonio faunistico custodito in Italia, del ruolo degli agricoltori e di una caccia sostenibile ed è, per altro, l’unico testo in vigore in Italia sulla tutela della fauna".

Le associazioni hanno avviato un tavolo nazionale congiunto sulla legge per individuare elementi utili al suo miglioramento. "Per migliorare la 157 – prosegue la nota delle associazioni – è invece necessaria un’attenta relazione del governo sullo stato di applicazione della legge e un serio lavoro degli attori sociali interessati che individui possibili migliorie e trovi soluzioni concertate tali da consentire una piena applicazione della norma su tutto il territorio nazionale".

Comments are closed.