AMBIENTE. Autostrada Tirrenica, Legambiente: “A rischio il paesaggio e le aziende agricole”

A rischio sono il paesaggio della Maremma e le aziende agricole biologiche che sarebbero "tagliate" dal passaggio dell’Autostrada Tirrenica o del tutto cancellate. Escludendo Capalbio per evitare di incappare nella polemica sulla "spiaggia dei vip", oggi Legambiente ha presentato a Orbetello uno studio sull’impatto ambientale della Tirrenica in Toscana. La richiesta: modificare il progetto a partire dall’adeguamento dell’Aurelia. L’iniziativa in vista: il lancio di una campagna internazionale per salvare il paesaggio e le aziende biologiche dell’area.

"Il problema – afferma l’associazione ambientalista – evidentemente non è per qualche vip di Capalbio interessato a difendere le proprie ville, ed è abbastanza ridicolo parlare di "autostrada ambientalizzata". La realtà è purtroppo ben diversa e l’impatto della Tirrenica sarebbe devastante per alcuni dei più straordinari e integri paesaggi tra Orbetello e il Parco della Maremma. E avrebbe come grave conseguenza quella di far chiudere attività preziose come redditizie aziende agricole biologiche e di qualità, licenziando un gran numero di lavoratori".

"Il futuro di chi ha scelto di investire sulla qualità e di puntare sull’agricoltura biologica non può essere messo a rischio dall’autostrada Tirrenica – ha dichiarato Edoardo Zanchini, responsabile trasporti di Legambiente – serve quindi una risposta chiara dalla Regione Toscana che, nella sua corsa folle per la realizzazione dell’Autostrada, si è dimenticata di tutelare questo territorio e i suoi abitanti".

Nel tratto esaminato, fra Orbetello e Grosseto, l’autostrada viaggerebbe completamente in variante rispetto all’Aurelia. Per Legambiente invece l’adeguamento dell’Aurelia a sezione autostradale rimane ancora oggi la soluzione preferibile, con il vantaggio di potersi realizzare gradualmente e a partire dall’adeguamento delle tratte più pericolose ancora a due corsie, con costi inferiori a quanto richiesto dal progetto del Corridoio e la possibilità di introdurre forme di pedaggio che escludano gli spostamenti locali.

Comments are closed.