AMBIENTE. Bruxelles, oggi si apre la conferenza europea sulla biodiversità

Biodiversità: stato attuale, politiche europee, pressioni cui sono sottoposti gli ecosistemi. Nell’anno internazionale della biodiversità, si apre oggi a Bruxelles la conferenza annuale europea dedicata a questo tema: si tratta di una "Settimana verde 2010" che, informa la Commissione europea, "affronterà l’attuale stato della biodiversità e della natura e nelle circa 30 sessioni previste offrirà possibili soluzioni per arrestarne l’attuale perdita, che ha raggiunto livelli allarmanti. La conferenza sarà anche la sede per varare la piattaforma Imprese e biodiversità, una nuova iniziativa di sensibilizzazione che mette l’accento sulle motivazioni economiche per tutelare la biodiversità".

L’iniziativa intende evidenziare i benefici della biodiversità e le soluzioni possibili per arginarne la perdita, con dibattiti che evidenzieranno anche la dimensione economica e l’impatto sulla salute umana, sull’ambiente, sugli oceani. Diverse le iniziative che verranno lanciate, come un nuovo sito web per centralizzare tutte le informazioni a livello europeo e una piattaforma per le imprese e la biodiversità, una struttura tecnica volta a far comprendere l’importanza in ambito industriale. La struttura dovrebbe aiutare le imprese a integrare la biodiversità nelle rispettive attività principali, focalizzando l’attenzione su sei settori considerati prioritari: agricoltura, industria dell’approvvigionamento alimentare, selvicoltura, industrie estrattive, settore finanziario e turismo.

"Il mondo deve guardare in faccia la realtà e affrontare l’importanza della perdita di biodiversità – ha dichiarato il commissario europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik – Mi auguro che la Settimana verde 2010 serva a questo. La conferenza è la sede ideale in cui i principali soggetti che operano nel settore ambientale possono riunirsi e trasmettere il messaggio sulla necessità di un cambiamento radicale nel nostro approccio alla crisi della biodiversità".

Comments are closed.