AMBIENTE. Cambiamenti climatici, in pericolo le acque europee

Il riscaldamento globale sta influenzando molti ecosistemi europei, tra cui le acque marine e costiere. Lo rileva il rapporto del Centro comune di ricerca (CCR) della Commissione europea intitolato "Dimensione marina e costiera dei cambiamenti climatici in Europa: rapporto per le Autorità europee delle acque", oggi presentato a Berlino.

Il documento esamina le conseguenze che derivano per gli habitat naturali delle acque costiere e dei mari europei dai cambiamenti climatici e dall’antropizzazione. In particolare, lo studio esamina in che modo lievi variazioni della pressione esercitata sull’ambiente in modo costante, ad esempio l’aumento dei gas serra, l’innalzamento delle temperature di superficie, del livello dei mari, ecc. siano all’origine di catastrofici fenomeni climatici, quali piogge torrenziali, siccità, tempeste e alluvioni, che comportano enormi costi umani e ambientali.

Dal rapporto emerge che i cambiamenti climatici hanno modificato le caratteristiche e la circolazione delle acque, il ciclo del carbonio e il sistema carbonato (acidificazione) nonché interi ecosistemi con la conseguenza che specie di acqua calda devono migrare verso nord, il che comporta il relativo declino delle specie di acqua fredda. Ad esempio, le specie dominanti di zooplancton sono calate del 70% dagli anni 1960 a motivo dell’aumento della temperatura delle acque, il che ha portato – assieme all’eccessivo sfruttamento delle risorse ittiche – alla modifica radicale della composizione del patrimonio ittico presente nel Mare del Nord e alla sparizione quasi completa dell’importante risorsa economica rappresentata dal merluzzo. Altri cambiamenti ambientali illustrati nel rapporto riguardano i cicli fenologici e le catene trofiche; il ritiro e l’erosione delle coste dell’Europa occidentale causati dall’innalzamento del livello dei mari e dalle mareggiate nonché l’incidenza delle inondazioni costiere ed altri pericoli/catastrofi ambientali dovuti alle mareggiate e ai maremoti.

Clicca qui per scaricare il rapporto.

Comments are closed.