AMBIENTE. Campania Differenzia: un progetto a sostegno dei Comuni Campani

ANCI, Ministero Ambiente, Upi e Apat hanno realizzato un’iniziativa di sostegno ai Comuni campani con la realizzazione ed implementazione di un progetto a sostegno della raccolta differenziata. L’iniziativa prevede: un sito internet dedicato, l’attivazione di un help desk telefonico/telematico, l’elaborazione di un "vademecum giuridico-amministrativo" e di una "guida pratica alla redazione dei piani comunali per la raccolta differenziata in Campania", l’attivazione di un confronto preventivo con oltre 250 Comuni campani, lo svolgimento di consulenza in loco a 146 Comuni.

Ad oggi, molto importante l’impegno della campagna "Campania Differenzia", messa in atto dalla Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) in collaborazione con l’Unione delle Province Italiane, il Ministero dell’Ambiente e l’Apat nella delicata fase di attuazione della ordinanza del Presidente del Consiglio n.3639 dell’11 Gennaio 2008 in tema di raccolta differenziata dei rifiuti. Attivata in seguito alla firma, il 24 gennaio scorso, della convenzione fra Ministero dell’Ambiente, ANCI, Upi e Apat, la campagna – che si è avvalsa della collaborazione delle società Ancitel e "Ancitel energia e ambiente" – doveva rappresentare un valido punto di riferimento per tutti i 551 Comuni campani, chiamati ad elaborare entro l’11 marzo scorso i loro piani per la raccolta differenziata e ad avviarne la realizzazione entro il 10 aprile. Da gennaio ad oggi la "task force" coordinata da ANCI ha lavorato ininterrottamente sul territorio, organizzando cinque seminari informativi che hanno visto la presenza di 251 Comuni, fornendo assistenza in loco a 146 amministrazioni. L’help desk telefonico ha gestito 820 contatti.

Il sito www.campaniadifferenzia.anci.it – affiancato da una newsletter settimanale contenente informazioni e documentazione e inviata a tutti i Comuni campani – ha avuto quasi 14.000 utenti, con oltre 42.000 pagine visitate e più di 50.000 documenti scaricati, fra i quali il "vademecum giuridico-amministrativo" e la "guida pratica" elaborati dal team di progetto e condivisi con tutti i partner istituzionali nonchè con gli uffici del commissariato per l’emergenza rifiuti. Il risultato raggiunto, grazie all’impegno degli stessi Comuni campani ed alle iniziative poste in essere con la campagna "Campania differenzia", è eloquente: 546 Comuni campani su 551 sono stati in grado di trasmettere al Commissario delegato per l’emergenza rifiuti il proprio piano per la raccolta differenziata.

Comments are closed.