AMBIENTE. Clima, Coldiretti lancia allarme su sfasamenti stagionali e poca pioggia

Clima insolitamente mite e poca pioggia in questi autunno e inverno. Preoccupazione è stata espressa dagli agricoltori di Coldiretti che sottolineano come le temperature al di sopra della media confondono la vegetazione con uno sfasamento stagionale nelle campagne dove sono già comparse le fioriture primaverili di primule, mimose e mandorli, con il rischio di danni alle coltivazioni che sono impreparate all’arrivo del freddo.

"A causa dell’andamento climatico anomalo si sta verificando – afferma Coldiretti – la presenza di piante forestali già in evidente attività vegetativa e piante spontanee della famiglia delle rosacee con le gemme "gonfie" pronte a fiorire. Il giallo delle mimose in Liguria, i mandorli in fiore nell’Italia centrale e meridionale e le primule fiorite sulle colline degli Appennini, segnano straordinariamente il paesaggio con mesi di anticipo rispetto alla normalità. Per le mimose e gli altri fiori il rischio e che la fioritura anticipata le renda indisponibili per le ricorrenze tradizionali di San Valentino e della Festa della donna dell’otto marzo. Ma le piante – continua la Coldiretti – si trovano in una fase di crescita che è tipica della primavera e si stanno predisponendo alla circolazione della linfa e la recrudescenza del freddo potrebbe colpirle nel momento più critico con danni ingentissimi. T

Non sono peraltro certamente tranquillizzanti le previsioni degli esperti dell’Ufficio Meteorologico Britannico secondo i quali il 2007 sarà l’anno più caldo mai registrato negli annali per la fase di forte attività del "Nino" e gli alti livelli di gas serra nell’atmosfera. Gli effetti osservati sono l’espressione – sottolineano gli agricoltori – di cambiamenti climatici strutturali che in Italia si manifestano con un aumento dell’intensità delle precipitazioni, sfasamenti stagionali con autunno caldo e primavera anticipata, aumento del numero di giorni consecutivi con punte di caldo eccessivo, modificazione della distribuzione delle piogge e aumento delle temperature estive.

Per Coldiretti si tratta di una evoluzione destinata a produrre conseguenze strutturali sull’attività agricola poiché gli effetti si fanno sentire con un significativo spostamento della zona di coltivazione tradizionale di alcune colture, la riduzione della riserva idrica, l’aumento dell’erosione in zone collinari ed alluvioni in pianura, anticipo di germogliamento per le piante coltivate, maggiore rischio per gelate tardive, aumento dell’incidenza di infezioni fungine e dello sviluppo di insetti, stress idrico delle piante. Si tratta di processi – conclude la Coldiretti – che rappresentano una nuova sfida per l’impresa agricola che deve interpretare il cambiamento e i suoi effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio.

 

Comments are closed.