AMBIENTE. Coldiretti premia la prima osteria a “km zero”

L’Osteria Vitanova, che si trova in centro storico a Padova, ha ricevuto da Coldiretti il primo attestato con il marchio "km zero". Il riconoscimento è stato conferito per l’offerta nel menù da parte del ristorante di prodotti che provengono dalle campagne locali. "Vino, olio, salumi, formaggi, frutta, verdura e grappa – spiega gli agricoltori- sono acquistati direttamente dalle imprese agricole circostanti e oltre a garantire qualità e freschezza, nel rispetto dell’ambiente, riducono l’inquinamento causato dai trasporti con la circolazione dei camion sulle strade e degli aerei per il trasporto merci nei cieli. Basta ricordare – sottolinea la Coldiretti – che per trasportare a Roma un chilo di ciliegie dall’Argentina in volo per una distanza di 12mila km si consumano 5,4 kg di petrolio mentre per un kg di pesche dal Sudafrica nel viaggio di 8mila chilometri si bruciano 4,35 kg di petrolio e infine gli arrivi di ogni kg di uva dal Cile richiedono la combustione di 5,8 kg di petrolio.

L’Osteria è un progetto che rientra nella strategia della Coldiretti per consentire ai consumatori di fare scelte di acquisto consapevoli che non inquinano e salvano il clima: dall’introduzione dell’obbligo di indicare in etichetta la provenienza di cibi in vendita alla disponibilità di spazi adeguati nella distribuzione commerciale dove poter acquistare alimenti locali "a chilometri zero" che non devono essere trasportati per lunghe distanze. Un aiuto per supportare un piccolo impegno quotidiano che può portare, secondo una analisi della confederazione, una famiglia a risparmiare fino a una tonnellata di anidride carbonica (CO2) all’anno. Peraltro – conclude la Coldiretti – scegliere di consumare frutta e verdura di stagione, oltre a evitare gli "sprechi energetici" dei prodotti esotici, garantisce maggiore qualità e freschezza per la salute e non comporta particolari sacrifici per un Paese come l’Italia che offre la più ampia varietà alimentare.

Comments are closed.