AMBIENTE. Comune di Roma, in cambio di bar e chioschi i privati gestiranno i giardini pubblici

Riparte il progetto "Punti Verdi Qualità", il programma avviato del Comune di Roma che prevede l’affido ai privati della manutenzione di giardini pubblici, in cambio della possibilità di gestire chioschi-bar, servizi, aree gioco. L’iniziativa è frutto di un accordo tra il Campidoglio, la Banca di Credito Cooperativo e l’ Istituto per il Credito Sportivo.

Il programma, avviato nel 1995, ha ripreso il via con una delibera approvata nei giorni scorsi dal Consiglio comunale. Il provvedimento prevede al realizzazione di 14 Punti Verdi e 6 Punti Verdi Infanzia e la garanzia da parte del Comune presso le banche il 90% delle somme necessarie ai concessionari per la realizzazione dei "Punti". Le strutture e gli impianti dei "Punti Verdi" devono obbligatoriamente essere alimentati da pannelli solari, devono comprendere sistemi di raccolta delle acque piovane e rendono anche più facile il recupero dei rifiuti da avviare al riciclaggio.

Obiettivo del progetto è quindi superare le complesse procedure burocratiche per l’accesso al credito da parte dei concessionari, vincitori del bando comunale. "Riparte così – sottolinea l’Assessorato capitolino all’Ambiente – un programma che ha trasferito fino ad oggi al patrimonio comunale opere per un valore di 50 milioni di euro e 70 ettari di verde pubblico riqualificati, con la creazione di 200 posti di lavoro".

Comments are closed.