AMBIENTE. Coop presenta la campagna “Risparmia le energie”

1500 famiglie italiane accompagnate e assistite per un anno nel mondo della vita sostenibile: dai comportamenti di acquisto alle abitudini quotidiane di vita. E’ "Risparmia le energie", il progetto oggi presentato da ANCC-Coop a Roma che vede la grande distribuzione impegnata in una nuova campagna di informazione e sensibilizzazione ai consumatori.

L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare, del ministero dello Sviluppo Economico e del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti.

"Nella campagna – ha spiegato Loris Ferini, responsabile politiche sociali ANCC-Coop – coinvolge un campione totale di 5mila persone distribuite sull’intero territorio nazionale, tutti soci Coop. Alle famiglie saranno distribuiti materiali informativi, come un kit di materiali e testi come lampade a basso impatto e guide al risparmio energetico. Inoltre 250 tutor, che hanno seguito un percorso formativo ad hoc, assisteranno le persone coinvolte nella campagna risolvendo i loro dubbi e incertezze".

L’obiettivo finale della campagna è capire se modificando comportamenti i di acquisto e sviluppando buone pratiche gli italiani possono ottenere veramente dei risultati in termini ambientali ed economici. "Per questo – ha proseguito Ferini – ci sarà una prima misurazione dell’esistente all’interno delle famiglie, in termini di tipologie di elettrodomestici e anche di entità di bollette. Ogni 4 mesi si registreranno, in una sorta di diario energetico, i nuovi comportamenti di acquisto e di vita quotidiana. Tra un anno raccoglieremo tutti i dati cercando di misurare i progressi in termini di risparmio energetico ed economico".

Aldo Soldi, presidente di ANCC-Coop ha ricordato come proprio in questa fase di crisi "sia importante che "le famiglie risparmino sulle voci energetiche". Soldi ha ricordato le altre campagne in materia di sostenibilità ambientale del Consorzio a testimonianza della "continuità nell’impegno che Coop da sempre pone a difesa dell’ambiente. Sia con le grandi campagne che con le azioni di ogni giorno in termini sia di riduzione degli imballaggi dei nostri prodotti sia nella ricerca di nuovi materiali alternativi".

"Risparmia le energie" ha visto il plauso di tre associazioni ambientaliste: il WWF, Legambiente e Greenpeace. Secondo Gaetano del WWF "L’iniziativa di Coop ha il merito di intervenire nell’ambito delle responsabilità individuali. Il problema dei cambiamenti climatici è ormai a tutti noto ma percepito in modo così globale che i cittadini si sentono impotenti di fronte a questo fenomeno. In realtà dietro ogni prodotto esiste un mondo ambientale. Basti pensare che per produrre un contenitore per detersivi si sprecano 239 litri di acqua e 1,5 Kw!".

Positivo anche il commento di Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente che ha detto: "Questa campagna è la testimonianza che la sostenibilità ambientale è l’altra faccia di quella economica. Per molti oggi l’ambiente è un lusso che in uno stato di crisi economica non ci si può permettere. Ma questa non è la realtà. L’incrocio tra la crisi finanziaria ed economica e quella ambientale sta sempre di più coinvolgendo i consumatori e l’iniziativa di Coop può provare che certe scelte di consumo possono far bene anche alle tasche".

Giuseppe Onufrio, direttore campagne di Greepeace Italia dopo aver ricordato le grandi potenzialità dell’Italia in termini di efficienza energetica ha sottolineato come "il modo di Coop di agire può essere grande. E’ necessario che gli imprenditori trovino dei sistemi per sviluppare l’efficienza dei motori e risparmiare sul fronte dell’illuminazione. Sarebbero inoltre molti i benefici sul fronte occupazionale e del contenimento dei costi".

In occasione del lancio di "Risparmia le energie" il consorzio ha anche ricordato i risultati del progetto "Coop for Kyoto": 101 fornitori di Coop si sono impegnati a ridurre le emissioni di gas serra secondo gli obiettivi del Protcollo di Kyoto. Tra il 2004 e il 2007 i risultati raggiunti parlano di un indice medio di efficienza energetica passato da 0,157 kg di CO2 emessa per un kg di prodotto nel 2004 a 0,147 nel 2007 con un calo del 6,37%. Diminuite anche le emissioni di anidride carbonica in termini assoluti: dalle 784.107 tonnellate di inizio periodo alle 750.518 del 2007, ovvero un risparmio di 33.589 tonnellate di CO2 non emesse, pari al 4,3%. Il calo più significativo delle emissioni è avvenuto nell’ultimo anno quando ben 18.530 tonellate (il 62,5%) sono state risparmiate.

A cura di Silvia Biasotto

Comments are closed.