AMBIENTE. Copenaghen, Consumers International: “Consumatori pronti a cambiare modelli di consumo”

I consumatori si mobilitano contro il cambiamento climatico e sono pronti a cambiare i loro modelli di consumo. "Il nostro messaggio è semplice: non cercare scuse per l’inazione nel nome di un consumismo a breve termine. Questo è contro gli interessi del consumatore e non può rappresentare una giustificazione per la devastazione del pianeta, con modelli di produzione e consumo insostenibili. In tutti i paesi, grandi, piccoli, sviluppati e in via di sviluppo, devono essere attuate azioni urgenti per invertire le tendenze attuali". È quanto scrive Consumers International, che rappresenta i consumatori di 115 paesi del mondo, in una lettera inviata ai capi di Stato, ministri, capi delegazione che partecipano al summit di Copenaghen sui cambiamenti climatici.

"I consumatori del mondo – si legge nella lettera – sono preoccupati del cambiamenti climatico e in molti già vivono le sue disastrose conseguenze. Specialmente coloro che hanno un comportamento a basso consumo, soprattutto ma non esclusivamente nei paesi in via di sviluppo, ne stanno soffrendo l’impatto".

La lettera sottolinea inoltre che "milioni di consumatori di tutto il mondo sono già pronti a cambiare i loro modelli di consumo, ma hanno bisogno che vengano dati loro gli strumenti per realizzare tale cambiamento. I consumatori hanno un enorme potenziale per contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici attraverso un’azione volontaria". Di conseguenza, serve un cambiamento nella produzione e nei modelli di consumo. E serve un’azione di leadership. "I consumatori – si legge nella lettera – hanno bisogno di essere centrali nella roadmap verso la sostenibilità del clima".

Comments are closed.