AMBIENTE. Da settembre 2009 stop alla vendita di lampadine tradizionali nei supermercati dell’Ue

Da settembre 2009, sugli scaffali dei supermercati europei, non ci sarà più traccia delle lampadine a incandescenza, quelle tradizionali, che saranno sostituite da lampadine fluorescenti ed alogene. Dal 2012 l’Europa abbandonerà definitivamente le vecchie lampadine, con un risparmio energetico per le famiglie e per l’ambiente.

Le lampadine fluorescenti compatte, infatti, consumano il 75% di energia in meno di quelle tradizionali; le alogene sono almeno il 25% più efficaci. Inoltre si ridurrebbe di 15 tonnellate ogni anno l’emissione di CO2. Questa misura è stata proposta dalla Commissione Ue lo scorso dicembre e approvata in seguito dalla Commissione Ambiente, sanità e sicurezza alimentare del Parlamento europeo.

La sostituzione permetterà un risparmio di 40 terawatt l’ora, che corrispondono al consumo di 11 milioni di famiglie europee o all’equivalente della produzione annuale di 10 centrali elettriche di 500 megawatt. E una famiglia arriverà a risparmiare 50 euro all’anno sulla bolletta dell’energia elettrica, utilizzando le lampadine fluorescenti. Il risparmio per l’intera Unione dovrebbe oscillare tra i 5 e i 10 miliardi di euro ogni anno.

Il regolamento entrerà in vigore dopo venti giorni dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea. I prodotti già presenti sul mercato continueranno a essere commercializzati.

Comments are closed.