AMBIENTE. Diritti del mare, al via la nuova campagna VAS

Difendere il mare, informare i cittadini e renderli partecipi della sua tutela, promuovere e valorizzare le coste e le aree marine protette: questi alcuni degli obiettivi della campagna "Diritti al mare, diritti del mare", che si rinnova per il 2008 con un numero verde gratuito di allerta rapido contro i crimini ambientali su mare e coste italiane. L’iniziativa, promossa dall’Associazione ambientalista VAS (Verdi Ambiente e Società), è stata presentata nell’ambito del Salone internazionale sulla nautica, diportismo, subacquea e parchi marini Big Blu di Roma. Lo scorso anno sono state oltre 3500 le segnalazioni arrivate dai cittadini: nel mirino casi di abusivismo, danni ambientali, disservizi, inquinamento, spiagge sporche.

Il bilancio della campagna ha fatto registrare un aumento di casi segnalati dal 2006 (2803) al 2007: 3609 fra i quali abusivismo (569), danni ambientali (235), disservizi (369), inquinamento (543), arenili sporchi (363), segnalazioni su fauna marina (175) e distanze di sicurezza (589). Maglia nera delle segnalazioni, rileva una nota stampa, sono state Campania (678), Calabria (609) e Lazio (563) seguite da Veneto (325), Puglia (326), Sicilia (205), Liguria e Sardegna (184).

Per il 2008 la campagna si rinnova e, spiega il VAS in una nota, attraverso la vigilanza e l’attivazione del numero verde nazionale gratuito 800.866158, raccoglierà per tutto l’anno segnalazioni su "casi di inquinamento della spiaggia, del mare e dei corsi d’acqua; preclusione di accessi al mare; ingombro della battigia non soggetta a concessione, che quindi deve rimanere libera ed accessibile a tutti; mancanza di accessi e strutture per disabili; incuria dei varchi tra gli stabilimenti (la pulizia è a carico del concessionario della spiaggia); tariffe improprie o obblighi di comprare "pacchetti" comprendenti servizi non richiesti oltre all’ingresso (sdraio, ombrelloni, cabine in abbonamento stagionale, ecc.); natanti a motore troppo vicini alla spiaggia; casi di abusivismo; disservizi, soprusi e le violazioni delle norme vigenti". Le segnalazioni, informa l’associazione, potranno arrivare anche attraverso la posta elettronica all’indirizzo e-mail: vas@vasonline.it "possibilmente correlate da foto".

Quali gli obiettivi della campagna? Difendere il mare, informare i cittadini, educarli al rispetto dell’ambiente e coinvolgerli nella tutela ambientale; contribuire alla valorizzazione ambientale, sociale ed eco-sostenibile delle coste e del mare; dare un apporto alla ricerca scientifica. L’iniziativa è promossa dall’Associazione VAS in collaborazione con l’Associazione Nazionale attività natatorie e subacquee NADD Europe e l’Organizzazione Internazionale Attività Subacquee e Natatorie per Disabili HSA Italia ed è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero dei Trasporti Comando Generale delle Capitanerie di Porto, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissariato Delegato per il superamento dell’emergenza socio-economico-ambientale del bacino del fiume Sarno, dall’Istituto per la ricerca sul mare I.C.R.A.M. e da numerose Regioni.

DOCUMENTI:
Tipologia di segnalazioni raccolte
Resoconto segnalazioni per Regioni 2007

Comments are closed.