AMBIENTE. Forestale: metalli pesanti e inquinanti nel fiume Ticino e nelle acque del milanese

Metalli pesanti nelle acque del milanese, in un tratto del fiume Ticino e in alcuni canali irrigui in provincia di Pavia. Cadmio, nichel, piombo, manganese, ferro e altre sostanze chimiche altamente tossiche: è quanto trovato dal Corpo Forestale dello Stato nelle acque di un complesso industriale in provincia di Milano nonché in un tratto del fiume Ticino presso il Comune di Morimondo (MI) e in alcuni canali irrigui in provincia di Pavia.

Gli accertamenti sono stati eseguiti nell’ambito di un’operazione di polizia ambientale condotta in questi giorni e i risultati sono l’esito delle analisi effettuate dal Laboratorio Mobile per le Indagini Scientifiche sull’ambiente del Nucleo Investigativo Centrale di Polizia ambientale e Forestale del Corpo forestale dello Stato. L’inquinamento da metalli pesanti può causare danni ambientali anche a lungo termine e determinare forme di tossicità acuta e cronica.

Il primo controllo ha riguardato le acque di un insediamento industriale in provincia di Milano: le ditte, ha rilevato la Forestale, scaricano in una fognatura privata che confluisce nel punto in cui sono stati effettuati i campionamenti, mentre l’acqua che alimenta il quartiere proviene da un pozzo. Le analisi di laboratorio hanno evidenziato la presenza di componenti chimici inquinanti come cadmio, nichel e piombo e metalli pesanti che "lasciano ipotizzare un rischio concreto di contaminazione diffusa". I risultati delle analisi sono stati riferiti all’autorità giudiziaria e alle autorità sanitarie. Un secondo controllo, effettuato nello scarico nelle acque del fiume Ticino di reflui urbani, agricoli e di aziende di zootecnia in prossimità del Comune di Morimondo e di comuni vicini, ha evidenziato la presenza "permanente e massiccia" di schiuma nelle acque del fiume dovuta ai tensioattivi. Anche in questo caso, informa la Forestale, sono stati trovati cadmio, azoto ammoniacale, cromati, indice fenolico, rame, zinco, nichel e piombo. Acque scure e maleodoranti provenienti da scarichi non collegati alla rete fognaria sono stati accertati nei canali irrigui nei pressi del comune di Albuzzano (Pavia).

Comments are closed.