AMBIENTE. Goletta Verde di Legambiente in Sardegna: assegnate le 5 vele al comune di Villasimius

E’ stata la Goletta Verde di Legambiente, la storica campagna di informazione e monitoraggio dello stato di salute del mare organizzata con il contributo di Vodafone e Italgest, a festeggiare, nell’Area marina protetta di Capo Carbonara (Villasimius), la posa della prima boa, per la realizzazione del primo campo boe MarPark, l’innovativo sistema elettronico per l’ormeggio pulito frutto di un brevetto internazionale della società Italgest Mare, del Gruppo Italgest e con il contributo del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio; il Comune di Villasimius, gestore dell’Aree Marina Protetta di Capo Carbonara; Siemens, per la parte tecnologica; Webred, per l’architettura informatica e Legambiente, per il monitoraggio degli aspetti ambientali.

All’evento hanno partecipato Salvatore Sanna Sindaco di Villasimius, Valerio Lombardi amministratore delegato Italgest Mare, Stefano Donati della Segreteria tecnica delle Aree Marine Protette del Ministero dell’Ambiente, Santo Grammatico portavoce di Goletta Verde, Vincenzo Tiana presiente di Legambiente Sardegna, e i rappresentanti della Capitaneria di Porto di Cagliari.

Il sistema Marpark nasce per consentire attraverso gavitelli telematici, la sosta delle imbarcazioni da diporto in aree marine con fondali dall’elevato valore naturalistico, che potrebbero essere danneggiati da un ancoraggio incontrollato. Questo sistema permette di coniugare la valorizzazione e la tutela dell’ambiente con la fruizione di un area protetta grazie all’impiego di tecnologie hi-tech assolutamente innovative. Assicurando un ormeggio sicuro ed ecosostenibile, questo rivoluzionario sistema è in grado di fornire tutti i servizi e i vantaggi di una marina, come il taxi nautico, il prelievo dei rifiuti e l’allerta meteo.

In particolare, il sistema MarPark presente nell’Area Marina Protetta di Capo Carbonara prevede l’installazione di 50 gavitelli telematici che consentiranno, come da regolamento delle Aree Marine Protette, l’ormeggio a imbarcazione fino a 24 metri di lunghezza. Per i diportisti accedere al sistema è semplice e veloce: è sufficiente prenotare via internet o telefonicamente e, arrivato nell’area MarPark, inserire nella cima di ormeggio il SeaPass (apposito dispositivo di riconoscimento) per attraccare al gavitello.

"L’innovazione di questo campo boe è una vera svolta – ha dichiarato Vincenzo Tiana, presidente di Legambiente Sardegna – che finalmente attenua la contrapposizione tra tutela del mare e fruizione dei diportisti. Oggi navigare nel mare protetto diventa possibile, nel pieno rispetto dei fondali e dell’ambiente marino, sfatando il luogo comune di aree marine inaccessibili e regno dei divieti. E’ proprio grazie a concrete politiche di salvaguardia ambientale e fruizione ecosostenibile, come il sistema Marpark, che questi territori si aprono finalmente ad un utilizzo attento e consapevole".

"Siamo orgogliosi – ha sottolineato Valerio Lombardi, l’amministratore delegato di Italgest Mare – di consegnare alla comunità locale un sistema che oltre a favorire il turismo nautico, contribuirà a proteggere i fondali delle aree marine di pregio. Registriamo inoltre un grande interesse da parte di tutto il mondo della nautica e siamo felici di constatare che ora , anche grazie a Marpark, il dialogo tra le Aree Marine Protette e il mondo dei diportisti e dei charter si stia consolidando."

"E’ con grande soddisfazione – ha dichiarato Stefano Donati del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio – che abbiamo deciso di contribuire alla realizzazione di questo progetto. Un ottimo esempio di come conciliare in maniera efficace la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile. Un brevetto internazionale di una società italiana che pone le Aree Marine Protette Italiane all’avanguardia per la fruizione sostenibile della fascia costiera".
Durante l’incontro di oggi sono state assegnate le 5 Vele della Guida Blu di Legambiente e Touring Club al Sindaco di Villasimius e Presidente dell’Amp, Salvatore Sanna.

"Avendo confermato – commenta Santo Grammatico, portavoce di Goletta Verde – e rinnovato, anche quest’anno, il suo impegno per potenziare e rafforzare la gestione e la tutela dell’Area Marina Protetta di Capo Carbonara è con grande soddisfazione che assegniamo le cinque Vele al comune di Villasimius. Le 5 Vele, il massimo riconoscimento della Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano, viene conferito, infatti, a quelle località che oltre alla qualità delle acque, hanno saputo coniugare una corretta gestione del territorio, interventi e politiche in linea con il rispetto dell’ambiente, una buona funzionalità dei servizi compatibili con la conservazione del paesaggio".

 

Comments are closed.