AMBIENTE. IKEA, Ecolight e WWF lanciano Bulb box per riciclo lampadine a basso consumo

Si chiama Bulb box la nuova iniziativa promossa da IKEA, WWF Italia e consorzio RAEE Ecolight: è una semplice scatola, che si potrà ritirare in tutti in punti vendita IKEA in Italia, dove raccogliere le lampadine a basso consumo che ormai non funzionano più e riconsegnarla nei negozi IKEA. Secondo il WWF, si tratta di "un gesto semplice che produrrà almeno tre vantaggi: le lampadine a risparmio energetico così raccolte saranno avviate verso un corretto percorso di smaltimento e recupero dal consorzio Ecolight; per ogni scatola consegnata, IKEA donerà al WWF un euro per i suoi progetti di conservazione e, infine, in cambio della Bulb box, IKEA consegnerà ai suoi clienti IKEA Family un buono per una confezione di tre lampadine a basso consumo "Sparsam E27" da 11W . Per il WWF si tratta di un’iniziativa che va nel percorso di sensibilizzazione dei cittadini su un corretto uso dell’energia e sullo smaltimento dei rifiuti.

Secondo la normativa, infatti, le lampadine a risparmio energetico sono a tutti gli effetti dei RAEE, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. "Contrariamente alle tradizionali lampadine a incandescenza quelle a risparmio energetico devono essere trattate con attenzione: per il loro contenuto di mercurio (in media ne hanno un milligrammo, ma tanto basta a contaminare 4mila litri d’acqua), sono classificate come rifiuti pericolosi – spiega Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight, consorzio che si occupa della gestione e dello smaltimento dei RAEE che ritirerà la lampadine esauste raccolte – Un loro corretto trattamento permette non solamente di smaltire le componenti inquinanti, ma anche di recuperare vetro che viene riutilizzato, per esempio, nella creazione di oggetti in vetro, nuove lampadine, ma anche piastrelle".

Comments are closed.