AMBIENTE. Il 20 marzo torna “Nontiscordardimé-Operazione scuole pulite” di Legambiente

Forse quando la scuola è pulita è più piacevole andarci. Per questo anche quest’anno Legambiente propone l’appuntamento annuale "Nontiscordardimé-Operazione scuole pulite". Il 20 marzo 223.096 ragazzi insieme a insegnanti e genitori di tutta Italia si muniranno di guanti e scope per ripulire 1339 scuole, provvedendo a ridipingere le aule e le parti esterne, sistemare le aiuole e i giardini da arricchire con nuove piante ed essenze.

Pulizia, verniciatura di recinzioni e bacheche, costruzione di orti botanici, interventi per mettere in sicurezza la scuola: sono tantissime le attività previste per la giornata di volontariato ambientale organizzata da Legambiente, che si concluderà in molti istituti con una festa, aperta ai ragazzi e alle comunità locali.

Al centro dell’edizione 2009 di Nontiscordardimé, patrocinata dal Ministero della Pubblica Istruzione, dall’Unione delle Province d’Italia e dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani, c’è la sicurezza scolastica. Le 10474 classi che hanno aderito all’iniziativa svilupperanno questo tema attraverso giochi e attività di monitoraggio dell’edificio scolastico.

Purtroppo i dati dimostrano che le strutture scolastiche non sono sempre luoghi sicuri; secondo il recente rapporto di Legambiente Ecosistema Scuola 2009 in Italia il 55,62% degli istituti sono stati costruiti prima del 1974, il 38,14% ha urgente necessità di manutenzione. Inoltre neanche la metà degli edifici risulta dotato dell’importantissima certificazione di prevenzione antincendio, presente solo nel 43,71% delle scuole.

"Nontiscordardimè – ha dichiarato Vanessa Pallucchi, responsabile nazionale di Legambiente Scuola e Formazione – è un’importante occasione per suscitare negli studenti e più in generale in tutta la comunità un rapporto attivo e dinamico con la scuola, intesa anche come bene comune e come ambiente da salvaguardare, tutelare e valorizzare".

Per conoscere le iniziative delle varie scuole cliccare qui

Comments are closed.