AMBIENTE. Il Consiglio consultivo regionale per il Mediterraneo sarà a Roma. Zaia soddisfatto

La Commissione Ue ha dato il via alla costituzione del Consiglio consultivo regionale per il Mediterraneo e ne ha posto la sede a Roma. "Esprimo grande soddisfazione per la decisione della Commissione europea di dare il via alla costituzione del Consiglio consultivo regionale per il Mediterraneo che avrà sede a Roma. Sarà operativo già dal 15 settembre. E’ il riconoscimento del ruolo fondamentale che l’Italia svolge nell’area della pesca . E’ il completamento di un iter ed è l’anello che ancora mancava per assicurare un filo diretto tra Bruxelles, i pescatori e il mondo della ricerca". Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia, ha commentato la notizia arrivata da Bruxelles: "Questa decisione conferma le tante prospettive dell’Italia che vuole valorizzare un settore importante per l’economia soprattutto a livello regionale – ha aggiunto Zaia – così come abbiamo dimostrato in occasione del vertice della pesca di Venezia, il 17 giugno scorso, che ho fortemente voluto in un momento di profonda crisi del settore dovuto al caro gasolio".

"Abbiamo già a Roma la sede della Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo – ha ricordato Zaia – che fu ottenuta dal precedente governo Berlusconi in occasione del vertice Euromediterraneo che si svolse a Venezia, nel novembre 2003, durante il semestre di presidenza italiana della Ue. A questo punto – ha concluso il Ministro – con il Consiglio consultivo regionale del Mediterraneo, si può legittimamente dire che l’Italia diventa il crocevia per le decisione sulla pesca che riguardano il Mediterraneo in un ottica di dialogo da protagonista con i paesi europei ed extraeuropei".

Comments are closed.