AMBIENTE. Il VI Programma Quadro Ue sbarca in Piemonte con “Energy in minds”

Il Sesto Programma Quadro europeo sbarca in Piemonte e rivoluziona la Val Pellice. La Provincia di Torino e, in particolare, questa valle a sud del capoluogo regionale hanno aderito al progetto europeo "Energy in minds" cofinanziato dalla Commissione Europea e dal Sesto Programma Quadro.

Il progetto mira a dimostrare che una riduzione del 20-30% dei consumi di energia fossile e delle emissioni di Co2 nel settore edilizio può essere raggiunta in cinque anni e con costi sostenibili nelle quattro piccole realtà europee, le città di Neckarsulm in Germania, Falkenberg in Svezia, Zlin in Repubblica Ceca e la Regione di Weiz-Gleisdorf in Austria, direttamente coinvolte. La Provincia di Torino, aderendo come partner osservatore, ha assorbito lo spirito dell’iniziativa e sta applicando in Val Pellice le sue politiche di risparmio energetico, promozione delle fonti rinnovabili e degli investimenti infrastrutturali.

"Anche se come partner osservatore non abbiamo ricevuto alcun finanziamento europeo – spiega Andrea Crocetta, tecnico della Comunità Montana Val Pellice – partecipare a "Energy in Minds" ci ha dato l’occasione per riflettere per la prima volta in modo organizzato sul tema dell’energia". Da circa sei mesi, quindi, la Valle, grazie a fondi locali, sta lavorando su quattro fronti: quello delle linee guida per i comuni sull’uso dell’idroelettrico e delle biomasse, quello informativo attraverso uno "sportello energia" per consulenze alla cittadinanza, quello infrastrutturale e quello di supporto alle strutture ricettive. "Speriamo, così – dice sorridendo Crocetta – di poter diventare al prossimo bando soggetti attivi del progetto".

Di quanto "Energy in minds" ha già prodotto di buono in tutta Europa si parlerà il 13 marzo prossimo in un apposito convegno organizzato dalla Provincia di Torino (Sala Cinema dell’ATC Torino dalle 14 alle 18).

Comments are closed.