AMBIENTE. In vendita su Ebay il Faro dell’Isola del Giglio. Legambiente: “Azione preoccupante”

"…Antico Faro delle Vaccarecce, Isola del Giglio, Grosseto. E´ possibile acquistare un sogno? Ebbene sì. Prezzo di partenza: EUR 2.500.000,00. Ora di scadenza: 10-giu-06 ore 10:09:17". Questo l’annuncio apparso su Ebay, sito di aste on line, che prevede la vendita del faro di una delle isole dell’Arcipelago Toscano. Immediata la reazione di Legambiente che si chiede: "Dopo gli anni della creativa cartolizzazione tremontiana di fari, isole e beni statali che hanno rischiato di essere ceduti a privati, perché non prevedere un censimento di questi beni monumentali, architettonici, storici e culturali – pubblici e privati – che sono una testimonianza della nostra civiltà, storia e cultura?".

"Su questo territorio – dichiara Francesco Ferrante, direttore generale di Legambiente – insistono bellissime spiagge, torri, fari e altri numerosi beni storici di notevole importanza culturale, architettonica, ambientale e paesaggistica sia di proprietà pubblica sia di proprietà privata. È chiaro però che la loro vendita, di solito, fa si che aumentino i rischi ambientali e l’uso indiscriminato del territorio, visto che si tratta in genere di aree isolate ed impervie".

Per questo, sottolinea l’associazione, sarebbe importante che il Ministero della Difesa di concerto con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali concordino quali di questi beni, anche se privati, siano da sottoporre a tutela e pertanto vengano riconosciuti come patrimonio inalienabile.

Tanto che nell’interrogazione parlamentare presentata dal Senatore Ferrante (Dl), viene chiesto ai ministeri competenti – dei Beni Culturali e le Attività Culturali e della Difesa – "se c’è intenzione di procedere con un censimento di tutti questi beni su territorio nazionale e se c’è l’intenzione di incentivare tutte quelle iniziative tese alla salvaguardia e alla valorizzazione anche attraverso lo strumento della prelazione, di un patrimonio di rilevanza internazionale".

Per maggiori informazioni visita il sito dell’Isola del Giglio.

Comments are closed.